Bambino di tre anni ucciso e torturato: occhi strappati, genitali…

Sudafrica, bambino di tre anni è stato trovato morto e torturato: occhi strappati, genitali mutilati e chiodo al centro del cranio. 

Sudafrica
Sudafrica (pixabay)

In Sudafrica un caso che ha suscitato sgomento a livello mondiale: un bambino di soli tre anni è stato ucciso e torturato. Quando infatti è stato ritrovato il corpicino, il piccolo aveva un chiodo al centro del cranio, gli occhi strappati ed i genitali rimossi. Queste porzioni del corpo sono state poi rinvenute presso l’abitazione di chi oggi è considerato l’unico colpevole: il padre. L’uomo di 38 anni che si occupava della cura del bambino dato che la madre non viveva con loro. La tragedia si è consumata a Thembalihle, nell’Estcourt, provincia KwaZulu-Natal, proprio lì dove i familiari hanno trovato il corpo del bambino di tre anni. Per il padre, tratto in arresto, è stata disposta una perizia psichiatrica.

LEGGI ANCHE -> 2020, il peggior anno della storia: la nuova copertina di Time

Omicidio in Sudafrica, l’allarme del familiare

Sudafrica
Sudafrica (pixabay)

La tragedia è venuta allo scoperto lo scorso 27 novembre ma solo qualche giorno dopo la notizia è stata divulgata e diffusa in tutto il mondo. La nonna aveva lanciato l’allarme perché non vi erano tracce del bambino. Iniziate le ricerche, la vittima di infanticidio è stata trovata in una fitta vegetazione. “Un chiodo è stato infilato nel cranio e gli sono stati rimossi occhi e genitali” questo è quanto espresso dalle autorità locali. La perizia predisposta per il padre servirà anche a comprendere la ratio di simile atto crudele, la causa scatenante di tale ferocia. Informazioni che ovviamente vorrebbe anche ricevere la famiglia dato che attende di ricevere le risposte alle proprie domande sulla tragedia consumata.

LEGGI ANCHE -> Brutale omicidio: due bambini decapitati. Arrestato personal trainer

Sudafrica
Infanticidio in Sudafrica (pixabay)

La Polizia sta tentando di ricostruire i fatti della terribile vicenda. Solo così la famiglia potrà tentare di “accettare” quanto accaduto al piccolo, ancora incredula per quanto verificatosi.

Se vuoi essere sempre informato in tempo reale e sulle nostre notizie di gossip, televisione, musica, spettacolo, cronaca, casi, cronaca nera e tanto altro, seguici sulle nostre pagine FacebookInstagram e Twitter.