John Lennon, la canna a Buckingham Palace che suscitò scandalo a corte

A 40 anni dalla morte di John Lennon, fa ancora sorridere il ricordo di quando ammise di aver fumato della marijuana a Buckingham Palace.

John Lennon canna a Buckingham Palace regina
John Lennon (GettyImages)

Quante volte avete desiderato sapere qualcosa di più della vita privata del vostro cantante o attore preferito, anche solo per sentirlo più umano e vicino a voi? Seguite la rubrica di Yeslife per scoprire tutti gli aneddoti e i piccoli momenti “dietro le quinte” dei personaggi più amati della tv (e non solo).

Quest’oggi, per onorare i 40 anni dalla morte di John Lennon, ricordiamo uno degli episodi più divertenti e controversi della sua carriera: quella volta in cui ammise di aver fumato uno spinello nei bagni di Buckingham Palace. Uno di quegli aneddoti che non si scordano facilmente.

Leggi anche -> Accadde oggi. I fatti più importanti nella storia accaduti l’8 Dicembre

John Lennon, la leggenda dello spinello a Buckingham Palace

 Leggi anche -> L’assassino di John Lennon chiede scusa a Yoko Ono dopo 40 anni

Era il 25 ottobre 1965 e i Beatles erano ospiti a Buckingham Palace per essere insigniti del titolo di baronetti e diventare a tutti gli effetti Membri dell’Ordine dell’Impero Britannico. “Pensavo che si dovesse guidare carri armati e vincere guerre per ottenere un MBE” scherzò John Lennon anni dopo. “Noi abbiamo ricevuto la nostra perché intratteniamo la gente”.

Giovani e sconsiderati, i Fab Four decisero di alleggerire la tensione chiudendosi nei bagni del palazzo per fumare prima della cerimonia. In un’intervista a L’express di cinque anni più tardi Lennon racconterà di aver fumato marijuana al cospetto niente di meno che della Regina Elisabetta in persona.

Più tardi gli altri tre smentirono la sua versione, sostenendo che si fosse trattato solo di sigarette, ma la voce non smise mai di circolare, tanto che ancora ai giorni nostri se ne parla e si discute sulla sua veridicità.

Se vuoi essere sempre informato in tempo reale e sulle nostre notizie di gossip, televisione, musica, spettacolo, cronaca, casi, cronaca nera e tanto altro, seguici sulle nostre pagine FacebookInstagram e Twitter

La cosa più divertente? Secondo la legge britannica del tempo, l’uso di sostanze stupefacenti era proibito. Qualsiasi trasgressione avrebbe comportato la perseguibilità sia per il protagonista dell’atto in sé che per il proprietario del luogo dove si fosse compiuto. Insomma, anche la Regina Elisabetta rischiò grosso quel giorno!