DPCM gennaio e riaperture attività commerciali, cosa bisogna aspettarsi

DPCM gennaio, tra poco scadrà quello attualmente in vigore. Quali sono le conseguenze per palestre, centri estetici ed altre attività chiuse da mesi?

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Giuseppe Conte (@giuseppeconte_ufficiale)

Il DPCM predisposto dal Governo per disciplinare le festività natalizie è ormai prossimo alla scadenza. Quindi tutti si chiedono quali saranno le prossime mosse attuate dal premier Conte per l’inizio del nuovo anno. In particolare, una domanda si fa sempre più pressante e riguarda le attività tra le più penalizzate dall’emergenza sanitaria, quali appunto palestre, ristoranti, cinema e la lista sarebbe tristemente lunga. Si può parlare di riapertura o ancora i tempi si dilungano? Si può avere una data?

Insomma, i cittadini – addetti dei settori e non solo – chiedono spiegazioni in merito. Sebbene già si pensasse ad un countdown per le riaperture, bisogna ricredersi: il Comitato Tecnico Scientifico infatti si mostra rigida nel fornire ancora queste indicazioni che sarebbero dei veri e propri spiragli di luce. Si attendono infatti ulteriori indicazioni sulla curva dei contagi.

LEGGI ANCHE -> ‘Salvini è uno sciacallo’: Ilaria Cucchi querelata

DPCM gennaio, le regole del 2021

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Giuseppe Conte (@giuseppeconte_ufficiale)

LEGGI ANCHE -> Salvini provoca Fedez, il rapper stronca il “Capitano”- FOTO

Le riaperture potrebbero avvenire per gli sport individuali, salvo ovviamente controlli per il numero di ingressi e fermo il divieto di poter usare gli spogliatoi. Insomma, misure attuate già nei mesi scorsi prima che ad ottobre le palestre venissero nuovamente chiuse. Con riferimento ai cinema, teatri ma anche ai luoghi di cultura come musei allo scopo di evitare gli assembramenti prima di entrare ai luoghi di destinazione – quello il momento più alto del possibile rischio di contagio – si auspica la prenotazione per garantire le distanze di sicurezza da definire previamente in base alla capienza dei rispettivi locali. Per quel che concernono infine i ristoranti ed i bar, si ipotizza che il limite di quattro persone a tavolo rimarrà in vigore anche nel prossimo DPCM.

Se vuoi essere sempre informato in tempo reale e sulle nostre notizie di gossip, televisione, musica, spettacolo, cronaca, casi, cronaca nera e tanto altro, seguici sulle nostre pagine FacebookInstagram e Twitter 

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Giuseppe Conte (@giuseppeconte_ufficiale)

Non resta che attendere i primi giorni di gennaio per sapere di più sulla questione riapertura di queste attività commerciali.