Maria Grazia Cucinotta, splende di prima mattina: bellissima – FOTO

Maria Grazia Cucinotta ha condiviso una foto nella propria cucina dando il buongiorno ai suoi tanti follower

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da MariaGraziaCucinotta Official (@maria_grazia_cucinotta)

La bella attrice siciliana ha condiviso uno scatto di prima mattina in cui augura il buongiorno ai suoi tanti ammiratori. Nonostante sia prima mattina Maria Grazia Cucinotta non ha paura a mostrarsi con un make up appena accennato sugli occhi, un trucco leggero che la rende ancora più bella. La canotta bianca che indossa mette in evidenza il suo abbondante seno. A 52 anni l’attrice dagli occhi intensi e scuri non ha nulla da invidiare alle sue colleghe più giovani. Una splendida donna in carriera, felicemente sposata dal 1995 con Giulio Violati, con il quale 19 anni fa ha avuto la figlia Giulia. Maria Grazia Cucinotta è ricordata soprattutto per essere stata la musa ispiratrice di Massimo Troisi nel film “Il postino”, dove interpretava la bellissima Beatrice a cui Mario dedicava splendidi versi poetici con l’aiuto del poeta Pablo Neruda.

Maria Grazia Cucinotta: “Vite senza paura”

Maria Grazia Cucinotta ha scritto e pubblicato di recente (a ottobre 2020) un libro dal titolo “Vite senza paura”, in cui racconta la storia di donne vittime di violenza psicologica e carnale, di soprusi e maltrattamenti. L’attrice è da sempre impegnata proprio ad ascoltare e dare aiuto a persone che come lei hanno subìto violenza. Lei era poco più che ventenne quando a Parigi è fuggita da un uomo incontrato nell’androne del palazzo dove viveva, riuscendo a salire a casa in ascensore. Un episodio che ha definito un “miracolo” per il pericolo scampato, che le ha cambiato la vita.

Da allora è sempre stata in prima linea a difendere a spada tratta le donne che come lei sono riuscite a fuggire o chi è davvero rimasta vittima di una violenza. Da quando, con il film “Il postino“, ha avuto notorietà non ha mai smesso di aiutarle e “Vite senza paura” ne è la prova, come ne abbiamo già parlato in questo articolo.