Usa, salgono i morti per Covid: a Los Angeles manca il legno per costruire le bare

L’elevato numero dei morti per Covid-19 ha messo in crisi le pompe funebri di Los Angeles (Usa), dove manca il legname per costruire le bare.

Covid-19 morti Usa legno bare
(Getty Images)

L’epidemia da Covid-19 ha provocato a livello globale oltre 1,8 milioni di vittime. Il Paese che ha registrato il maggior numero di decessi sono gli Stati Uniti, dove ad oggi 351.580 morti. Un numero che continua inesorabilmente a salire e che ha causato un’emergenza per quanto riguarda lo spazio dove ospitare le salme. A Los Angeles, un’impresa di pompe funebri ha addirittura affittato un camion-frigo, dove contenere le salme in attesa che venga trovata una sistemazione.

Leggi anche —> Covid, dal 7 gennaio nuove restrizioni per l’Italia. Ipotesi di un “decreto ponte”

Usa, salgono i morti per Covid: pompe funebri al collasso, a Los Angeles si affitta camion-frigo per ospitare le salme

Coronavirus bollettino italia dicembre
(Getty Images)

Leggi anche —> Mascherine e distanziamento, ancora lontano l’abbandono nonostante il vaccino

Poco più di 350 mila decessi ed oltre 20 milioni di casi. Questi i drammatici dati relativi all’epidemia da Covid-19 negli Stati Uniti dall’inizio dell’emergenza. Gli Usa sono, difatti, stando ai dati della Johns Hopkins University, il Paese più colpito a livello globale della pandemia. A Los Angeles, la città che ha fatto registrare il maggior numero di decessi e dicasi di contagio, le imprese di pompe funebri avrebbero terminato il pino per la costruzione delle bare. Una circostanza che, come riporta la redazione de il Daily Beast, avrebbe spinto un’impresa ad affittare un camion frigo dove ospitare le salme in attesa di trovare una sistemazione. Questo tipo di soluzione era stata già adottata a New York nelle scorse settimane.

Magda Maldonado, titolare della Continental Funeral Homes ha spiegato: “Siamo in crisi e la situazione è disperata. Le pompe funebri –riporta il Daily Beastnon hanno più spazio per ricevere i cadaveri. Tutti lavorano sette giorni alla settimana più gli straordinari: siamo esausti“.

Per quanto riguarda la mancanza del pino per la costruzione delle bare, Auriel Suarez, proprietario della Universal Caskets Manufacturing Corporation, ha spiegato: “Il legno sta scarseggiando, soprattutto il pino, che è il più economico“.

Se vuoi essere sempre informato in tempo reale e sulle nostre notizie di gossip, televisione, musica, spettacolo, cronaca, casi, cronaca nera e tanto altro, seguici sulle nostre pagine Facebook, Instagram e Twitter.


Johns Hopkins University

Suarez ha poi proseguito raccontando come le bare vengono subito acquistate, per via dei tanti decessi, dopo essere state appena costruite, in alcuni casi non arrivano in tempo per il funerale. “In 52 anni di attività –conclude- non ho mai visto niente di simile“.