Adolescente scomparso ritrovato in una grotta in mezzo alla neve

Il ragazzo si è costruito da solo una grotta per dimostrare di essere in grado di sopravvivere nell’ambiente ostile.

We would like to commend the 17 year old missing snowmobiler from the search last night. This young man did everything…

Pubblicato da South Cariboo Search & Rescue su Domenica 17 gennaio 2021

LEGGI ANCHE >>> Caso di Pasquali: arrestato in Spagna il latitante più ricercato d’Europa

A soli 17 anni, l’adolescente canadese ha voluto dimostrato di essere in grado di sopravvivere in un ambiente ostile. Durante un viaggio in motoslitta, il giovane si è  separato dal suo gruppo lo scorso sabato 16 gennaio, nella spettacolare Columbia Britannica, paese di alte montagne innevate e clima gelido, nonché provincia più occidentale del Canada. I suoi amici e familiari, i quali avevano partecipato all’escursione, si sono preoccupati della sua lunga assenza e hanno deciso di agire immediatamente. La sua scomparsa è stata segnalata intorno alle 18:15 di quel giorno. Alcuni sono saliti di nuovo sul loro veicolo con la speranza di ritrovarlo; mentre gli altri hanno allertato i servizi di emergenza, quali il South Cariboo Search and Rescue (SAR), un gruppo di volontari adibiti alla ricerca di persone scomparse. Questi ultimi hanno a loro volta allertato la Royal Canadian Mounted Police (RCMP).

La grotta costruita per passare la notte

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE >>> Coronavirus USA: i morti superano le vittime della Seconda guerra mondiale

Sono stati i membri del South Cariboo Search and Rescue (SAR) a localizzare l’adolescente, ritrovato “in buone condizioni”, secondo il loro comunicato ufficiale. Il loro post Facebook descrive le dinamiche dell’episodio a lieto fine e loda il coraggio e il pragmatismo del ragazzo: “Questo giovane ha fatto la cosa giusta. […] Ha parcheggiato la sua motoslitta in una vasta area aperta e si è recato in una zona boschiva vicina per costruire un’incredibile grotta di neve dove passare la notte.” Gli esperti dell’organizzazione hanno dichiarato che il ragazzo è stato scoperto proprio all’interno della sua caverna, dove si era rifugiato “acqua e un panino”. “Ha reso il nostro compito meno difficile” – scrivono i soccorritori – “rimanendo sul posto e dimostrando di essere a conoscenza delle tecniche di sopravvivenza durante la rigida stagione invernale.”

Se vuoi essere sempre informato in tempo reale e sulle nostre notizie di gossip, televisione, musica, spettacolo, cronaca, casi, cronaca nera e tanto altro, seguici sulle nostre pagine FacebookInstagram e Twitter.

“Mi ci sono volute circa due ore per costruirlo” – ha dichiarato il ragazzo – “Stavo tremando, quindi non riuscivo a dormire, ma ero fiducioso che la mia struttura mi avrebbe permesso di sopravvivere. Ho anche pensato che sarei stato salvato: quindi ero più annoiato che spaventato.”

Fonte Independent