Covid, pronta la diffida contro Pfizer per i tagli ai vaccini

Il commissario straordinario per l’emergenza Covid Domenico Arcuri annuncia azioni sui ritardi nella fornitura delle dosi che Pfizer. 

Vaccini Covid Pfizer

Sembrava andare per il verso giusto la somministrazione dei vaccini in Italia. Tanto l’entusiasmo per l’idea di aver trovato una soluzione per sconfiggere il coronavirus. Un virus che da ormai un anno ha cambiato le vite delle persone di tutto il mondo. Qualcosa però sembra non essere andata per il verso giusto. Le case farmaceutiche Pfizer e AstraZeneca hanno fatto sapere che ci saranno dei ritardi nella distribuzione dei vaccini. Il governo quindi prova a mettersi ai ripari: controllando il piano vaccini e rivedendo gli obiettivi. Il premier Conte definisce “inaccettabili” i tagli annunciati. Già a partire da domani l’esecutivo si muoverà contro Pfizer su tre canali: una diffida per inadempimento e un esposto ai pm per potenziale danno alla salute, ma anche una richiesta al foro di Bruxelles.

LEGGI ANCHE —Vaccini Italia, Giuseppe Conte esprime “grande preoccupazione”

La prima consegna del vaccino di AstraZeneca previsto per il 15 febbraio

Vaccino Covid-19
(Getty Images)

LEGGI ANCHE — Maurizio Costanzo: “Il vaccino è l’unica beffa che possiamo fare al Covid”

La prima consegna del vaccino di AstraZeneca, è prevista per il 15 febbraio. Il via libera dovrebbe quindi arrivare dall’Ema il 29 gennaio. Le altre due consegne sarebbero invece previste per il 28 febbraio e il 15 marzo. Nel corso della riunione con le Regioni il commissario per l’emergenza Domenico Arcuri ha dichiarato che entro metà marzo saranno consegnate circa 15 milioni di dosi di vaccino. Se approvato da Ema, all’Italia dovrebbero arrivare 3,4 milioni di dosi contro gli 8 previsti, oltre a quelle di Moderna e Pfizer. Nel piano ufficiale del governo ne sono indicati 16 milioni di dosi di vaccino.

Se vuoi essere sempre informato in tempo reale e sulle nostre notizie di gossip, televisione, musica, spettacolo, cronaca, casi, cronaca nera e tanto altro, seguici sulle nostre pagine FacebookInstagram e Twitter.

Fine della pandemia
Vaccino Biontech (Gettyimages)

Sui ritardi e i tagli da parte delle case farmaceutiche anche l’Unione Europea vuole vederci chiaro. Ecco perché lunedì è stata convocato AstraZeneca, indicando due obiettivi: avere un programma chiaro che consenta di pianificare le consegne e accelerare la distribuzione.