Bridgerton: la serie dei record… si, ma di errori. L’indignazione dei fan

Bridgerton. I fan della serie che ha spopolato su Netflix si sono accorti di una serie di stranezze ed errori guardando i vari episodi

Bridgerton Serie Netflix
Bridgerton Serie Netflix (foto da account ufficiale Instagram)

Bridgerton è una serie televisiva di produzione Netflix, basata sui romanzi di Julia Quinn, ambientata nell’Inghilterra di fine età georgiana, uscita in tutto il mondo il 25 dicembre 2020. E’ opera di Shonda Rhimes, autrice dal tocco d’oro, la mente geniale dietro la fortunatissima fiction medica Grey’s anatomy.

Stile completamente diverso ma altrettanto successo per questa serie che narra le vicende della famiglia Bridgerton, fondendo uno stile che richiama, per certi versi, l’universo e lo stile tipico delle atmosfere alla Jane Austen, mischiandolo a un sapore più moderno alla Gossip Girl. Quest’aria di modernità è rilevabile grazie alla colonna sonora, spesso impreziosita di brani pop contemporanei, presentati con arrangiamenti che sanno d’antico.

Bridgerton ha regalato a Netflix 63 milioni di visualizzazioni dopo soli 28 giorni dal suo debutto. Tuttavia, i telespettatori più attenti non hanno potuto fare a meno di notare degli strafalcioni che hanno causato indignazione da un lato ma anche molta ilarità.

LEGGI ANCHE > Netflix dice addio a tre grandi serie tv. A dicembre aveva già fatto strage di altre 32 proposte

Bridgerton: errori madornali all’interno delle puntate

Bridgerton errori serie tv Netflix
Bridgerton errori – Instagram

Leggi anche >>> Lupin “ruba” il record di Netflix: serie più vista in meno di un mese

La serie Netflix Bridgerton è ambientata a Bath nel 1813. Molte scene hanno come sfondo la storica Royal crescent, un complesso residenziale, composto da case a schiera, disposte a mezzaluna. Gli spettatori più puristi hanno notato un numero d’ incongruenze che hanno fatto a pugni con l’atmosfera proposta dall’opera.

Basta fare un giro superficiale sui social per leggere una sfilza di commenti esilaranti che evidenziano le gaffe e gli errori commessi dalla produzione.
“Ho visto solo due episodi di Bridgerton e ho già individuato una linea gialla ed un tombino delle telecomunicazioni. Non sapevo che gli inglesi del XIX secolo fossero tali pionieri”. Le classiche linee gialle ai bordi delle strade britanniche furono introdotte solo negli anni ’60 del Novecento per indicare le restrizioni di parcheggio.

Un altro utente scrive: “Volevo guardare Bridgerton. Non pensavo di partecipare al gioco ‘Scopri la gaffe’. Società londinese del 1813, linee gialle, divieto di sosta, fumo di sigarette con filtro”.

Se vuoi essere sempre informato in tempo reale e sulle nostre notizie di gossip, televisione, musica, spettacolo, cronaca, casi, cronaca nera e tanto altro, seguici sulle nostre pagine Facebook, Instagram e Twitter.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Bridgerton (@bridgertonnetflix)

L’errore più eclatante riguarda l’evidente presenza in alcune scene girate all’esterno di un poster pubblicitario di un noto grande magazzino. “Oh guarda, la loro carrozza è appena passata da Primark” – ha scritto ironicamente uno spettatore della serie tv.

Impostazioni privacy