Cina, l’innovativa misura per contrastare l’inquinamento

Per combattere l’inquinamento la Cina ha deciso di dotare i propri cittadini di strumenti utili a verificare e segnalare eventuali irregolarità compiute dalle varie aziende.

Cina, misura contrastare inquinamento
(Getty Images)

La Cina è tra i Paesi più inquinanti del Pianeta. Al contempo, però, è quello che ad oggi avrebbe mostrato maggior attenzione al tema. Il Dragone pare abbia capito quanto importante sia, soprattutto dopo la pandemia, una miglior qualità degli ambienti, dell’aria e delle acque in primo luogo.

Nella sua lotta anti inquinamento ed emissioni, perciò, avrebbe deciso di consegnare agli stessi cittadini una potente “arma” per contrastare il fenomeno. Si tratta di una piattaforma che in tempo reale registra ogni attività delle aziende. Un modo per consentire anche al Ministero dell’Ambiente di tenere il quadro sotto controllo.

Leggi anche —> Alluvioni letali, nuovo studio rivela una stravolgente verità: mai nulla di simile

Ambiente, Cina si affida ai suoi cittadini: piattaforma anti inquinamento

(Getty Images)

Leggi anche —> Innalzamento del livello del mare, nuovo studio rivela drammatico scenario

Per contrastare il fenomeno dell’inquinamento, il Governo Cinese ha deciso di consegnare ai suoi stessi cittadini uno strumento per aiutarlo a sconfiggere il fenomeno e stanare quelle aziende che non rispettano le leggi ambientali.

Il Dragone ha aperto una piattaforma pubblica, riporta la redazione di Rinnovabili, per scoprire tutti quei produttori che in barba alle conseguenze, producono emissioni oltre la norma o che sversano nelle acque rifiuti tossici. Questo strumento inizierà ad essere operativo il prossimo mese e permetterà di vagliare in tempo reale cosa fanno le industrie.

Proprio i cittadini inseriranno dati e si occuperanno di verificare quelli registrati. Un metodo che di certo agevolerà il ruolo del Governo nello stanare i contravventori, ma che soprattutto azzererà qualsiasi forma di corruzione, considerando la sua portata.

Purtroppo la battaglia contro l’inquinamento iniziata dalla Cina 7 anni fa non ha dato i frutti sperati, riporta Rinnovabili. Solo nel 2015 pare fossero numerosissime le aziende colte in fallo e le sanzioni loro comminate, non sembra abbiano avuto grande efficacia. Sostanzialmente è convenuto ai grandi industriali corrispondere una multa piuttosto che adeguarsi alle leggi ambientali. Un trend che secondo il  Governo, dunque, andava scardinato. Per tale ragione con questa piattaforma si ritiene possa essersi arrivati ad una svolta.

Se vuoi essere sempre informato in tempo reale e sulle nostre notizie di gossip, televisione, musica, spettacolo, cronaca, casi, cronaca nera e tanto altro, seguici sulle nostre pagine FacebookInstagram e Twitter.

Cambiamento climatico ridurre metano
(Getty Images)

Pechino, dunque, con questo nuovo strumento è intenzionata a disincentivare comportamenti contro la legge e l’ambiente. Un risultato che spera possa ottenere oggi, diversamente da quanto accaduto in passato.

M.S.