Sottomarino giapponese si scontra con una nave mercantile

La collisione è avvenuta al largo del Pacifico: tre membri dell’equipaggio sono rimasti lievemente feriti. 

A dare la notizia sono state le stesse autorità giapponesi. Le dichiarazioni di questo martedì, 9 febbraio, informano sulla collisione avvenuta ieri tra un sottomarino giapponese e una nave mercantile. Secondo quanto riporta Kyodo News, lo scontro è avvenuto al largo della costa della prefettura di Koch, a una cinquantina di chilometri dall’isola di Shikoku (Giappone). Il sommergibile J-Soryu della Maritime Self-Defense Force (Forze di Difesa del Giappone), chiamato anche “Blue Dragon”, si è schiantato contro il mercantile Ocean Artemis, lungo 229 metri e 93.000 tonnellate, costruito nel 2010 e registrato ad Hong Kong. La nave era partita lo scorso 5 febbraio da Qindgao e diretta col suo carico di ferro al porto di Mizushima.

LEGGI ANCHE >>> L’OMS torna da Wuhan: altamente improbabile la fuga da laboratorio

Tre membri lievemente feriti

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE >>> Ritrovate le spoglie dell’archeologo siriano ucciso dall’ISIS

L’incidente si è verificato intorno alle ore 10:55 al largo di Capo Ashizuri. Il principale portavoce del governo Katsunobu Kato ha dichiarato che il violento impatto ha distrutto diverse strutture, quali periscopio e antenne, e apparecchiature di comunicazione sia della nave da guerra sia del sottomarino. I danni, però, sono limitati e non hanno influito sulla gestione dei mezzi navali. Difatti, i media locali riportano che il sommergibile Soryu (Ss-501) è riuscito comunque a tornare lunedì sera tramite navigazione in superficie. Tuttavia, le autorità giapponesi hanno precisato che il sottomarino ha riportato danni più estesi di quanto si pensasse inizialmente. Tre membri dell’equipaggio del sottomarino sono rimasti lievemente feriti, ma non necessitano del ricovero in ospedale.

Se vuoi essere sempre informato in tempo reale e sulle nostre notizie di gossip, televisione, musica, spettacolo, cronaca, casi, cronaca nera e tanto altro, seguici sulle nostre pagine FacebookInstagram e Twitter


Il quartier generale della Guardia Costiera nipponica e il Japan Transport Safety Board hanno avviato le indagini su cause e dinamiche della collisione.

Fonte Kyodo News