Lutto nel mondo dello spettacolo, è morto il celebre paroliere di Mina e di molte serie tv

Si è spento a 86 anni Luigi Albertelli, paroliere che in cinquant’anni di carriera ha scritto alcune delle più note musiche della canzone italiana

Il mondo dello spettacolo piange in queste ore la morte di un nome illustre della nostra storia. Se n’è andato a 86 anni Luigi Albertelli, grande paroliere di molti cantanti noti della nostra canzone italiana ma anche autore di sigle che hanno segnato l’infanzia degli italiani.

La notizia della morte è stata data dalla famiglia nel pomeriggio, Luigi Albertelli se n’è andato nella sua casa di Tortona, in provincia di Alessandria. Già molti i messaggi di cordoglio che sono giunti per ricordarlo, colleghi e amici che in cui hanno sempre visto un volto importante dietro grandi nomi della musica. Tra le sigle che più sono associate a lui quella di Remì, Goldrake, ma anche di hit come Furia Cavallo del West e Ricominciamo.

LEGGI ANCHE -> Terribile Incidente stradale, ex calciatore in condizioni gravi

Luigi Albertelli: ha vinto due Festival di Sanremo

LEGGI ANCHE -> Omicidio-suicidio a Treviso, il padre uccide il figlio due anni e si toglie la vita

La musica italiana deve molto a Luigi Albertelli, la sua carriera è costellata di successi indescrivibili e ben tre generazioni hanno cantato le sue canzoni. Sono sue “Furia” cantata da Mal, “Ufo Robot” incisa dagli Actarus, “Capitan Harlock”, ma anche “Anna dai capelli rossi”, “Nano nano”, la sigla della serie tv “Mork e Mindy”.

Ma Albertelli ha composto i testi anche per nomi altisonanti come Mina, ha scritto 23 brani per Mia Martini, ha vinto due Sanremo: la prima volta con “Zingara” nel 1969 cantata da Iva Zanicchi e Bobby Solo, e nel 1987 con “La notte dei pensieri” che regalò la vittoria a Michele Zarrillo.

Se vuoi essere sempre informato in tempo reale e sulle nostre notizie di gossip, televisione, musica, spettacolo, cronaca, casi, cronaca nera e tanto altro, seguici sulle nostre pagine FacebookInstagram e Twitter.

Scrisse anche per i Nomadi, Nada, Ricchi e poveri, Drupi, Caterina Caselli, Wes e Dori Ghezzi, Fred Bongusto, Zarrillo e tanti altri. La sua presenza però certo non smetterà di esistere ma sarà presente ogni volta che verrà cantata una delle sue musiche. Non abbiamo ancora nessuna notizia riguardo la data del funerale.