Muore di ipotermia: la famiglia chiede 100 milioni di dollari

Il bambino di 11 anni è morto per il freddo a causa della crisi energetica del paese. La denuncia dei genitori.

Il sud degli Stati Uniti è ancora nel mirino del maltempo, la cui improvvisa ondata di freddo continua a provocare danni e numerose vittime, lasciando milioni di persone completamente al buio e senza elettricità. La situazione è critica specialmente in Texas. Tra emergenza energetica e idrica, lo stato nella regione centro-meridionale degli USA è stato spesso nominato in associazione a incidenti automobilistici senza precedenti e frequenti blackout per intere giornate. L’ultima vittima del gelo è un bambino di soli 11 anni.

LEGGI ANCHE >>> Fucila il gatto della vicina con la carabina: “ero arrabbiato”

La denuncia dei genitori

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE >>> Nuove proteste anti-golpe. I militari ai manifestanti: “rischiate di morire”

Cristian Pavon abitava con i suoi genitori a Conroe, nella contea di Montgomery, in Texas. Come tanti altri texani, la famiglia era rimasta completamente al buio dalla scorsa nevicata di domenica (14 febbraio) fino al giorno successivo. Il piccolo è stato ritrovato senza vita nel suo letto, sotto l’immensa pila di coperte utilizzate per ripararsi dalle insopportabili temperature. Stando a quanto riferiscono i media locali, quella notte il bambino morì di ipotermia. In attesa dell’autopsia, la famiglia non resta in silenzio.

I genitori del piccolo hanno sporto denuncia contro i fornitori di energia elettrica del Texas Electric Reliability Council of Texas (ERCOT) e Entergy Corporation, giudicati responsabili della morte prematura del figlio. In merito, l’avvocato di Houston Tony Buzbee ha dichiarato che ha intentato una causa di 100 milioni di dollari più le spese del tribunale per negligenza da parte delle aziende, la cui noncuranza ha lasciato soffrire intere famiglie; in balia del freddo, senza calore ed elettricità. “Sono morte delle persone” – ha precisato Tony Buzbee – “ERCOT e Entenergy Corporation ne pagheranno le conseguenze.”

La madre dell’undicenne Cristian Pavon ha denunciato le società per omicidio colposo presso il tribunale distrettuale della contea di Jefferson. I giganti delle utilities “hanno posto i loro profitti al di sopra del benessere delle persone”, ignorando totalmente le precedenti raccomandazioni per l’inverno della sua rete elettrica. “Nonostante fossero a conoscenza del maltempo e delle previsioni avverse con almeno una settimana di anticipo, […] ERCOT ed Entergy non sono riusciti a intraprendere alcuna azione preventiva per evitare la crisi energetica”, ha dichiarato la madre della vittima. I rapporti ufficiali dei funzionari statali riportano che a partire dalla scorsa domenica oltre 30 persone sono morte in Texas a causa del maltempo.

Se vuoi essere sempre informato in tempo reale e sulle nostre notizie di gossip, televisione, musica, spettacolo, cronaca, casi, cronaca nera e tanto altro, seguici sulle nostre pagine FacebookInstagram e Twitter

Molte vittime sono decedute per intossicazione da monossido di carbonio, dopo aver utilizzato automobili o generatori per riscaldarsi durante il periodo del blackout.

PER RIMANERE INFORMATO SU TUTTE LE NOTIZIE DEL GIORNO GUARDA IL TG DI YESLIFE

 

Fonte Crime Online