Alex Schwazer a Sanremo 2021: “Io voglio essere giuidicato”

Il campione di marcia Alex Schwazer sale sul palco del teatro Ariston e racconta la sua squalifica alle Olimpiadi dopo i test anti-doping. “Io voglio essere giudicato con i nuovi fatti in mano”, ha detto a gran voce. “Nessuno mi darà la vita che mi hanno levato ma si può rimediare e non perdere altre gare senza avere colpe”.

Il campione altoatesino sale sul palco del teatro e si racconta (Getty Images)

La sua è stata una vera e propria Odissea, un inferno senza fine nel quale è stato intrappolato. Al festival di Sanremo 2021 Alex Schwazer racconta come la sua vita sia cambiata e come è arrivato alla rinascita.

LEGGI ANCHE —> Alex Schwazer assolto: archiviato il processo per doping – VIDEO

Alex Schwazer, dall’accusa di doping alla rinascita

Alex Schwazer
Alex Schwazer (Getty Images)

LEGGI ANCHE -> Sanremo 2021, come votare le canzoni? Tutto sulle serate del Festival

Il suo è stato un vero e proprio Calvario ma alla fine ce l’ha fatta, il campione di marcia è riuscito a trovare la serenità.

Alex Schwazer è un marciatore di Vipiteno, un piccolo paese in Alto Adige. La sua è una storia incredibile perché è stato un grande campione olimpico della 50 km a Pechino 2008.

A pochi giorni dalle Olimpiadi di Londra 2012, Alex Schwazer risulta positivo al test anti doping. Così il campione è stato squalificato.

Schwazer è tornato a correre per i Mondiali a squadre di marcia nel 2016 occasione un cui vince la 50 km qualificandosi ai Giochi olimpici di Rio de Janeiro 2016. Dopo poco però il campione risulta nuovamente positivo ai test anti doping.

Così viene sospeso dalla Federazione Internazionale di atletica leggera e in seguito squalificato per 8 anni e non solo non potrà più partecipare ai Giochi olimpici di Rio 2016 ma tutte le sue vittorie sono state cancellate.

Ma a questo punto, grazie a varie inchieste giornalistiche e sospetti di sabotaggi, prendono il via le indagini ufficiali dei RIS di Parma su indicazione del PM incaricato.

Il campione però a febbraio 2021 avrà la sua rivincita: viene disposta l’archiviazione del procedimento penale ai danni dell’atleta per “non aver commesso il fatto”.

Se vuoi essere sempre informato in tempo reale e sulle nostre notizie di gossip, televisione, musica, spettacolo, cronaca, casi, cronaca nera e tanto altro, seguici sulle nostre pagine FacebookInstagram e Twitter

Dopo tanti anni ho trovato un giudice coraggioso che voleva andare fino in fondo e questa è stata la mia fortuna nella sfortuna“, ha detto il campione che è innocente per la giustizia penale italiana ma non per quella sportiva internazionale.

Io voglio essere giudicato con i nuovi fatti in mano“, ha detto a gran voce. “Nessuno mi darà la vita che mi hanno levato ma si può rimediare e non perdere altre gare senza avere colpe“.