Coronavirus: evacuate le banchine della Senna a Parigi

L’operazione anti-assembramento nella capitale francese è avvenuta a metà pomeriggio del 6 marzo: l’intervento delle forze dell’ordine.

Nel pomeriggio di sabato 6 marzo la polizia della capitale francese è dovuta intervenire per evacuare le sovraffollate banchine della Senna. Nonostante la pandemia, numerosi parigini chiudono gli occhi e si crogiolano al sole sulle rive del fiume di Parigi, le cui banchine risultano ogni giorno affollate a causa del bel tempo. La notizia è confermata dalla questura locale, il cui tweet denuncia la completa inosservanza delle misure di prevenzione contro la diffusione del Covid-19; queste ultime “non vengono affatto rispettate.” Pertanto, “la polizia sta intervenendo per porre fine agli assembramenti.”

LEGGI ANCHE >>> La dose anti-Covid arriva allo zoo: vaccino ai gorilla

Le rive della Senna tra sole e assembramenti

senna
Il fiume Senna (Getty Images)

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE >>> Autobomba in un ristorante a Mogadiscio: almeno 20 morti

Secondo quanto riportano i media locali, pochi giorni prima la prefettura di Parigi aveva mantenuto l’accesso libero alle banchine purché in ossequio alle normative anti-Covid-19. Già la scorsa domenica, 28 febbraio, la gendarmeria nazionale è dovuta intervenire per liberare le popolose rive del fiume del XIX arrondissement, dove gli escursionisti si sdraiavano al sole e intere famiglie e giovani erano colti a passeggiare o a fare picnic.

Questo fine settimana nella capitale francese sarà prevista la mobilitazione di oltre 4.400 agenti di polizia. Per evitare la diffusione di potenziali assembramenti in futuro è stato prorogato fino al 21 marzo il divieto di consumare alcolici negli spazi pubblici tra le 11:00 e le 18:00. Tra le località nel mirino dalla normativa rientrano ovviamente le rive della Senna.

Se vuoi essere sempre informato in tempo reale e sulle nostre notizie di gossip, televisione, musica, spettacolo, cronaca, casi, cronaca nera e tanto altro, seguici sulle nostre pagine FacebookInstagram e Twitter

A differenza del dipartimento Pas-de-Calais, Parigi non è in lockdown, ma resta tra la aree più controllate con “sorveglianza rafforzata”.

Fonte France Bleu