Pancia gonfia? Questi 20 alimenti aiutano a sgonfiarla velocemente

La pancia gonfia è un sintomo tipico di numerose malattie o disturbi dell’apparato digerente. Avere la pancia gonfia è una spiacevole condizione, i sintomi riguardano la tensione addominale (accumulo gassoso tra stomaco e intestino). 

sgonfiare-la-pancia
Come sgonfiare la pancia (Pixabay)

La pancia gonfia è anche conosciuta con il termine meteorismo e si manifesta con stipsi o diarrea, crampi addominali, flatulenza ed eruttazione.

Questo fastidio è un sintomo passeggero ed è causato da un pasto consumato troppo velocemente o troppo abbondante, da un aumento di peso o da fenomeni fisiologici come la sindrome premestruale e la menopausa.

LEGGI ANCHE —> Stress? Quali sono gli otto sintomi per capire se ne soffri

Ecco di 20 alimenti che ti aiutano a sgonfiare la pancia

dieta-lockdown
Alimenti consigliati (Pixabay)

LEGGI ANCHE —> 15 motivi per cui dovremmo inserire i superfood nella nostra dieta quotidiana

  1. Mandorle: Sono antiossidanti (contenute soprattutto nella buccia scura, per cui è meglio consumarle non spelate), lassative e benefiche per l’intestino, grazie alla presenza di fibre, benefiche per il sistema nervoso, grazie al magnesio che aiuta in caso di stress e stanchezza, antinfiammatorie, dovute agli acidi grassi “buoni” Omega-3, utili per il benessere delle ossa, grazie all’elevato contenuto di calcio, anticolesterolo in quanto favoriscono il benessere del cuore e della circolazione.
  2. Mele: Alleate essenziali nei regimi alimentari, le mele sono ricche di pectina, fibra alimentare che, regolando il passaggio del glucosio dall’intestino al sangue, contribuisce a tenere sotto controllo il livello di glicemia. Costituite per l’84-88% da acqua, sono un valido alimento per l’approvvigionamento giornaliero dell’organismo umano che necessita di almeno 1 lt di acqua al giorno.
  3. Fagioli: I fagioli hanno ottimi valori nutrizionali, sono ricchi di carboidrati e con un buon apporto proteico. I fagioli hanno un contenuto ridotto di grassi, l’elemento costituente della buccia è la fibra che ha un ruolo determinante nella regolarità delle funzioni intestinali.
  4. Cavolfiore: Sono ricchi di minerali e vitamine, in particolare vitamina C. Sono, inoltre, alimenti antiossidanti e antinfiammatori. Sono indicati in caso di diabete in quanto contribuiscono, con la loro azione, al controllo della glicemia. Alcuni recenti studi scientifici attribuiscono loro proprietà anticancro.
  5. Cannella: È un potente antiossidante naturale, stimola la circolazione sanguigna e contribuisce a combattere il colesterolo. Ha proprietà antibatteriche, antisettiche, stimolanti e digestive.
  6. Caffè: Una bevanda ricca di antiossidanti che esercita un evidente stimolo sul sistema nervoso. Inoltre è ricco di metilxantine come la caffeina, che agiscono stimolando il sistema nervoso centrale, un blando psicostimolante che migliora soprattutto l’attenzione e lo stato di allerta. Sull’apparato gastrointestinale la caffeina aumenta la secrezione di acido cloridrico e pepsina nello stomaco.
  7. Ricotta: E’ un latticino altamente proteico e che gode di diverse proprietà organolettiche che la rendono altamente digeribile e con proteine più assimilabili rispetto ad altri alimenti. È altamente digeribile, rinforza il sistema immunitario, aiuta a perdere peso, è amica di ossa e denti.
  8. Uova: E’ ricco di sali minerali tra cui il fosforo, necessario per la formazione delle ossa. Ha una discreta quantità di ferro, in una forma facilmente assimilabile. E’ una buona fonte di zinco, un minerale essenziale per il buon funzionamento del sistema immunitario.
  9. Aglio: Uno spicchio d’aglio è serbatoio di principi attivi curativi di notevole efficacia come allicina, zolfo, vitamine del gruppo B. Ha proprietà antielmintiche contro gli ascaridi e gli ossiuri, antimucolitiche, ipotensive, espettoranti, digestive, carminative, antisettiche, ipoglicemizzanti.
  10. Lenticchie: Sono una buona fonte di proteine e di carboidrati complessi; sono inoltre molto ricche di ferro, fosforo e vitamine del gruppo B. Grazie all’elevata quota di fibre e alla scarsa quota di grassi (di tipo insaturo) sono valide alleate nella lotta e nella prevenzione dell’ateriosclerosi.
  11. Olio d’oliva: L’olio extravergine di oliva ne contiene pochissimi, a tutto vantaggio della salute. In particolare abbonda in acido oleico, un grasso monoinsaturo capace di regolare i livelli di colesterolo (riduce il livello di colesterolo LDL, “cattivo”, rispetto al livello del colesterolo HDL, “buono”).

Se vuoi essere sempre informato in tempo reale e sulle nostre notizie di gossip, televisione, musica, spettacolo, cronaca, casi, cronaca nera e tanto altro, seguici sulle nostre pagine FacebookInstagram e Twitter.

cibi detox
Alimenti detox dopo le feste natalizie (Marijiana/pixabay)

12. Parmigiano: Rafforza le ossa, previene le malattie, ti ricarica di energia, aiuta a perdere peso. Come tutti i formaggi, il Parmigiano è un alimento piuttosto ricco di grassi. Per una dieta corretta, meglio limitarne il consumo a due o tre volte la settimana. Lo puoi grattugiare su un piatto di pasta o nella minestra: ne basta un cucchiaino (5 grammi circa). Oppure, puoi mangiarlo a scaglie, prima o dopo il pasto. In questo caso, 40 grammi di Parmigiano sono più che sufficienti.

13. Pere: Ricche di calcio le pere riducono il rischio di osteoporosi e ostacolano il processo di rarefazione del tessuto osseo dovuto alla graduale demineralizzazione. Le pere contengono molta fibra, bastano 2 pere per coprire il 32% del fabbisogno giornaliero. La maggior parte si trova nella buccia ed è per questo che mangiare il frutto senza sbucciarlo consente di trarne tutti i vantaggi, compreso l’effetto anticolesterolemico.

14. Funghi: Sono un’ottima fonte di minerali, in particolare fosforo, potassio, selenio e magnesio. I funghi contengono, inoltre, lisina e triptofano, vitamine del gruppo B e alcune sostanze antiossidanti. Grazie alle loro caratteristiche aiutano il sistema cardiovascolare a mantenersi in forma.

15. Quinoa: Nutriente, antiossidante, ricca di fibre, minerali, proteine e amminoacidi, la quinoa favorisce il metabolismo, è indicata durante le diete dimagranti ed è perfetta per chi deve seguire un’alimentazione priva di glutine.

16. Peperoni rossi: Sono ricchissimi di betacarotene. La vitamina C impedisce l’ossidazione dei tessuti corporei bloccando i radicali liberi dell’ossigeno.

17. Pomodori: Sono fonte di preziosi nutrienti, soprattutto di potassio, fosforo, vitamina C, vitamina K e folati. Il colore rosso dei pomodori è dovuto ad un antiossidante, il licopene, la cui azione è adiuvata da altri due antiossidanti ossia luteina e zeaxantina.

18. Aceto: Grazie alla presenza di acido acetico, l’aceto promuove un miglior controllo della glicemia e della pressione arteriosa. Rallenta lo svuotamento gastrico, contribuendo al senso di sazietà. Per questo motivo, può aiutare a consumare porzioni moderate di cibo, riducendo l’introito calorico e favorendo la perdita di peso. Infine,  vanta proprietà antimicrobiche, infatti, viene utilizzato anche per la conservazione di alcuni alimenti.

19. Salmone: E’ una buona fonte di proteine, vitamine (vitamina B6, vitamina B12, tiamina, niacina), sali minerali (fosforo, selenio) e acidi grassi omega 3. In particolare, 100 grammi di salmone contengono: 18,4 g di proteine. 12 g di grassi.

20. Yogurt: E’ un derivato del latte adatto anche per le persone intolleranti al lattosio. Ricco di calcio e vitamine, lo yogurt riequilibra l’intestino ed è un alimento sano e ricco. Contiene proteine, carboidrati, grassi, una buona percentuale di calcio, vitamine, soprattutto quelle del gruppo B. Alimento molto saziante, adatto nelle diete ipocaloriche.