Denise Pipitone, il significato del nome Olesya è sconcertante

Ancora poche ore e si saprà la verità sul filo conduttore tra Denise e Olesya, nell’attesa però scopriamo ancora dei dettagli sconcertanti

Piera Maggio appello per DNA
iera Maggio e Olesya Rostova, il confronto fatto a Chi l’ha visto? (screen da video)

Siamo sempre più vicini alla verità sul caso di Denise Pipitone e Olesya Rostova. Somiglianza, dubbi, paura e speranza, in questi giorni non si è parlato d’altro e Piera Maggio è pronta a scoprire la realtà dei fatti. Tra poche ore si saprà il risultato del Dna e anche questa storia nel bene e nel male avrà una fine. Nell’attesa però vogliamo parlarvi del nome Olesya, così è stata chiamata la ragazza russa quando è stata rapita. Ecco cosa si nasconde dietro quella parola apparentemente insignificante.

LEGGI ANCHE>>>Denise Pipitone, l’avvocato di famiglia: “Vi spiego cosa chiederò a Olesya”

Denise e Olesya: cosa significa il nome russo?

denise pipitone novità
(Screenshot)

LEGGI ANCHE>>>Denise Pipitone, l’avvocato della famiglia incontra la ragazza. Il faccia a faccia

Quella del nome Olesya è una coincidenza sconcertante. Il significato lascia ancora una volta tutti senza parole: a quanto pare nella letteratura ucraina-russa Olesya, come rivelato dall’avvocato di Piera Maggio, Giacomo Frazzitta, è una ragazzina che vive con la nonna e che viene perseguitata dalla comunità fino a quando scompare. “È un fatto curioso ma è solo un elemento suggestivo” spiega il legale della famiglia di Denise. Un altro pezzo da legare al puzzle della storia della piccola di Mazzara del Vallo che una volta scomparsa ha lasciato un vuoto incolmabile a mamma e papà ma anche tanta speranza e desiderio di trovarla.

Se vuoi essere sempre informato in tempo reale e sulle nostre notizie di gossip, televisione, musica, spettacolo, cronaca, casi, cronaca nera e tanto altro, seguici sulle nostre pagine Facebook, Instagram e Twitter

Denise Pipitone parla avvocato famiglia
Denise Pipitone (screenshot Rai3)

Diciassette anni fa una guardia giurata aveva visto nella stazione di Milano una bambina che assomigliava a Denise, era insieme ad una gruppo di zingari e veniva chiamata Danas. Una serie di coincidenze che ha fatto vivere la famiglia in bilico tra speranza e rassegnazione, ma ad oggi le carte sono ancora tutte in tavola. Gli italiani sperano che sia la volta vincente.