Ennesimo femminicidio: 33enne uccisa tra le mura domestiche

La tragedia si è consumata nella notte tra domenica 30 e lunedì 31 maggio. La vittima è stata ritrovata senza vita dai vigili del fuoco.

Polizia Francia
Polizia francese (Getty Images)

Ennesimo femminicidio in Francia; questa volta a Douai. Nella notte tra domenica 30 e lunedì 31 maggio il comune francese di circa 44.000 abitanti, nel dipartimento settentrionale dell’Alta Francia, è stato epicentro di un brutale atto di violenza di genere culminato in tragedia. La vittima, una 33enne, è stata uccisa tra le mura domestiche. La notizia è stata confermata dal notiziario France Bleu, il cui articolo riporta che la salma è stata rinvenuta all’interno del proprio appartamento dai vigili del fuoco dipartimentali. A seguire i dettagli riferiti dai media francesi.

NON PERDERTI ANCHE >>> Il Regno Unito è nella prima fase della terza ondata da Covid-19. Il Governo corre ai ripari

I dettagli rivelati dalla gendarmeria locale

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da 𝑭æ𝒃 Ÿ𝒏 (@faph2467)

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE >>> Violenta sparatoria sulla folla: 2 morti e 25 feriti

I servizi di emergenza sono stati allarmati alle 4:45 di mattina per denunciare “una donna in arresto cardiaco.” Il corpo martoriato della vittima era coperto di contusioni e ferite da “diverse percosse”. Vani i tentativi di rianimazione: la donna è stata dichiarata morta sul posto a causa delle gravi ferite riportate. Come richiesto dei vigili del fuoco, sul posto è accorsa la squadra di polizia. Il congiunto, 38 anni, è stato posto in custodia alla gendarmeria e arrestato per omicidio doloso.

Secondo le testimonianze degli alti ufficiali, durante l’arresto il presunto sospetto era in evidente stato di ebbrezza e riportava tracce di sangue sulle mani. Nel documento ufficiale della polizia si legge che l’accusato si trovava già ai domiciliari sotto sorveglianza elettronica per scontare una pena detentiva di dieci mesi in casa per “furto aggravato e gravi danni a proprietà altrui”, lo ha riferito il portavoce del pubblico ministero di Douai Frédéric Teillet. “La sua fedina penale” – ha precisato l’alto funzionario all’intervista dell’AFP (Agence France Presse) – “non è macchiata da alcuna condanna per violenza contro il coniuge.”

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Makkuro (@makkuro.dk)

La polizia ha annunciato l’avvio alle indagini per ulteriori accertamenti su cause e circostanze del femminicidio.

Fonte France Bleu