Monitoraggio ISS, dati confortanti: le ultime su Rt, terapie intensive e contagi

Stando al consueto monitoraggio dell’ISS prosegue il miglioramento del quadro epidemiologico: l’Indice di contagio (Rt) è sempre in discesa.

Coronavirus
(Getty Images)

Conferma positiva giunge dal consueto monitoraggio settimanale dell’ISS. Stando alle ultime rilevazioni procede il calo dell’indice di contagio. L’Rt è pari allo 0,68, l’incidenza è scesa a 32 casi ogni 100mila abitanti e l’occupazione dei posti in terapia intensiva è drasticamente diminuita. Con ogni probabilità entro la metà di questo mese il Paese si tingerà – quasi completamente- di bianco.

Covid-19, monitoraggio ISS: calano Rt, incidenza dei casi e terapie intensive

Dati in costante miglioramento quelli dell’epidemia da Covid-19 in Italia. Questo quanto si evince dall’ultimo report settimanale dell’ISS.

Coronavirus
(Getty Images)

Leggi anche —> Covid, l’annuncio di un B&B in Liguria fa scoppiare la polemica sui social

L’indice di contagio è sceso ben sotto l’1, attestandosi allo 0,68. A decrescere anche l’incidenza dei casi che raggiunge quota 32 casi ogni 100mila abitanti rispetto ai 47 della scorsa settimana.

Dati incoraggianti, riporta Fanpage, che portano a prospettare un passaggio in zona bianca di quasi tutto il Paese entro la metà di questo mese. La maggior parte delle regioni è stata classificata a bassa rischio, ciò appunto perché in ognuna di esse l’Rt è scesa sotto il valore di 1. Lo stesso dicasi per l’occupazione dei posti in terapia intensiva: nessuna realtà regionale supera la soglia critica. Stando all’ultimo bollettino, diramato ieri dal Ministero della Salute, infatti, i ricoveri sono scesi a 892. Un numero drasticamente minore rispetto a quello della fine di maggio che contava ben 1.033 unità. In generale, a diminuire anche la pressione sulle strutture ospedaliere che scende sotto l’11%.

Leggi anche —> Coronavirus, il bollettino del 3 giugno: 1.968 nuovi casi di contagio e 59 decessi

Con tale prospettiva è probabile, quindi, che – eccezion fatta per la Val D’Aosta dove i numeri non sono così confortanti- a far data dal 21 giugno tutte le regioni potrebbero passare in bianco. In data odierna, invece, potrebbe essere già il turno di Liguria, Umbria, Veneto e Abruzzo. Come già preannunciato nelle scorse settimane, avendo mantenuto il loro trend positivo è quasi certo che riusciranno ad entrare nella zona con minori prescrizioni.

Coronavirus
(Getty Images)

Quanto alle altre regioni, i numeri migliori sono quelli di Provincia di Trento, Lombardia, Lazio, Piemonte, Puglia e Emilia-Romagna. Per loro si prospetta il passaggio in zona bianca il prossimo 14 giugno.