Donna trovata morta in casa: i carabinieri fermano un giovane parente

Questa mattina, una donna di 77 anni è stata trovata morta nella sua casa di Landriano (Pavia): i carabinieri hanno fermato il nipote che viveva con lei.

Carabinieri
Carabinieri (Getty Images)

Una donna di 77 anni è stata trovata priva di vita all’interno della sua abitazione di Landriano, in provincia di Pavia. In casa con lei viveva il nipote, un ragazzo di 26 anni affetto da problemi psichiatrici. A chiamare i soccorsi sarebbe stata la madre del 26enne. I medici del 118, giunti sul posto, non hanno potuto far nulla per la donna, che sarebbe stata ritrovata sul pavimento con delle lesioni alla testa. Il ragazzo è stato fermato dai carabinieri che si stanno ora occupando delle indagini.

Pavia, donna trovata morta in casa: fermato dai carabinieri il nipote di 26 anni

Dramma questa mattina, venerdì 11 giugno, a Landriano, piccolo comune in provincia di Pavia, dove una donna di 77 anni, Gabriella Cusaro, è stata trovata morta nella sua abitazione, sita in via Cerca.

Ambulanza
(Getty Images)

Leggi anche —> Precipita dal terzo piano di un palazzo: morto bambino di un anno e mezzo

Nell’appartamento, come riporta la stampa locale e la redazione de Il Giorno, c’era anche il nipote della donna, Andrea, un ragazzo di 26 anni affetto da problemi psichiatrici. A contattare il numero per le emergenze è stata la madre del 26enne.

Immediato l’intervento dell’equipe medica del 118 che è giunta sul posto. Il personale sanitario non ha potuto far nulla per la 77enne di cui è stato possibile solo constatarne il decesso. Dalle prime informazioni, scrive Il Giorno, pare che la donna sia stata trovata riversa sul pavimento con delle ferite alla testa.

Leggi anche —> Omicidio-suicidio in un appartamento: uccide la moglie e si toglie la vita

Presso la casa sono arrivati anche i carabinieri che hanno avviato gli accertamenti e le indagini sul caso. Il nipote della donna è stato fermato e ora la sua posizione è al vaglio degli inquirenti. Al momento non si esclude nessuna ipotesi, compresa quella dell’omicidio.

Carabinieri
Carabinieri (ChiccoDodiFC – Adobe Stock)

Da quanto emerso, riferisce Il Giorno, pare che il 26enne era andato a vivere in casa della zia, che lavorava presso la farmacia di cui era titolare il marito, dopo aver avuto dei problemi con i genitori.