Malore a 47 anni, muore noto chef italiano

Colpito da un malore improvviso all’età di quarantasette anni la scomparsa di un noto chef rattrista il mondo della cucina.

Chef noto muore malore 47
Chef (Getty Images)

Era uno dei volti più noti ed amati per quel che riguarda l’arte culinaria nazione ed internazionale. Con le sue importanti partecipazioni anche sul piccolo schermo, in programmi di illustre fama come “Cuochi d’Italia” e “Family Food Fight“, il noto chef è tristemente scomparso due giorni fa.

Nella serata di venerdì, 11 giugno, lo chef è stato colpito da un malore improvviso all’età di soli 47 anni, nella città di Novara dove era collocata la sua residenza. Nella città del nord Italia, lo chef viveva assieme alla moglie. La sua scomparsa prematura segna dunque ad oggi un momento incredibilmente triste per il mondo dello spettatolo quanto della cucina.

Leggi anche —>>> Denise Pipitone, le parole sconcertanti del sensitivo tedesco sul caso

Malore a 47 anni, muore noto chef italiano

Chef noto muore malore 47
Massimiliano Gennari (Screenshot da Facebook)

Potrebbe interessarti anche —>>> Scomparsi | Roberta Martucci: una Mercedes bianca ed un “Ti amo” stenografato

Massimiliano Gennari ha lavorato nel corso della sua carriera in molte occasione ed in molteplici progetti al fianco di altri grandi protagonisti della cucina. Nel ruolo di spalla talvolta di Alessandro Borghese e Bruno Barbieri, oppure della pressoché inseparabile coppia Cannavacciuolo e Bastianich. Gennari amava molto viaggiare, sopratutto per assecondare la sua più grande passione: la cucina. Esperienze di ogni genere e di arricchimento che lo hanno portato ad essere largamente apprezzato anche da chef di altissimo livello.

Secondo quanto è emerso nelle ultime ore pare che il malore lo abbia colto poco dopo essere tornato nella sua abitazione dal lavoro. Gennari gestiva un ristorante situato proprio nel cuore della città piemontese, “Covo“. Ad accorgersi per prima del suo malessere è stata la moglie del celebre cuoco.

Sfortunatamente, nonostante la prontezza ad intervenire nella situazione d’emergenza dei soccorsi, non c’è stato nulla da fare per Massimiliano. Gli addetti al 118 non hanno potuto far altro che costatare il decesso dell’uomo. Con molta probabilità potrebbe essersi trattato di un infarto.