Scomparsi | Thomas Moore: un giallo irrisolto tra segnalazioni e avvistamenti

Thomas Moore è scomparso da Brentford (Londra) il 15 luglio del 2003 eppure il 21 avrebbe effettuato un’operazione ad un bancomat di Ancona.

Thomas Moore
Thomas Moore (Chi l’ha visto?)

Thomas Moore scomparve nel nulla da Brentford (Londra) il 15 luglio del 2003. La sua famiglia non ebbe più alcuna sua notizia fino a quando il 21 luglio vennero informati che l’uomo, allora 30enne, aveva effettuato un’operazione contabile presso un bancomat in Italia, precisamente ad Ancona. Ma cosa c’entra la cittadina abruzzese con Moore? Perché dall’Inghilterra si sarebbe recato nel Bel Paese.

Thomas Moore scomparso da Brentford (Londra) il 15 luglio del 2003

Ad occuparsi del caso ed a fornire una mano agli inquirenti la redazione di “Chi l’ha visto?”. Nel corso di una puntata andata in onda il 17 ottobre di quell’anno i genitori di Thomas Moore lanciarono un accorato appello, spiegando alcune caratteristiche del figlio.

Thomas Moore
Thomas Moore (screenshot Chi l’ha visto?)

La madre specificò che, nonostante l’età, Thomas non era in grado di prendersi totalmente cura di sé stesso ed era per questo che i loro timori erano amplificati. La donna riferì, altresì, che il 30enne era un tipo solitario, un credente praticante. Era spirituale tanto che con sé portava sempre un rosario ed una Bibbia. Un ragazzo senza vizi e tanto fedele.

Leggi anche —> Scomparsi | Flavio Messetti: la fede, le segnalazioni e una traccia dal Bhutan

Alla redazione del programma Rai, dopo la trattazione del caso, arrivarono innumerevoli segnalazioni. La prima arrivava dalla provincia di Perugia, precisamente da Gualdo Tadino. Un’altra da Ancona per poi giungere fino a Vasto. Ed ancora, avvistamenti anche nel territorio laziale. Purtroppo, però, all’esito di approfondite indagini da parte degli inquirenti si scoprì trattarsi solo di persone che gli assomigliavano molto.

Ad un certo punto, si riaccesero le speranze quando un telespettatore disse di aver visto un ragazzo molto somigliante a Thomas – con un rosario tra le mani ed i capelli lunghi- camminare su un sentiero che conduceva ad Arezzo. Si muoveva su percorsi alternativi che lo avrebbero potuto condurre a Cortona. Ed in effetti, proprio lì, un altro testimone disse di averlo visto. Questa persona disse di averlo incrociato mentre si recava a lavoro e di aver notato che in mano stringeva un rosario mentre pregava.

Sarebbe stato poi avvistato in una delle culle della cristianità italiane tra Perugia ed Assisi. Una circostanza che rendeva verosimile l’avvistamento, in quanto pare che Thomas fosse devoto a San Francesco e perché il 30enne era già stato lì in pellegrinaggio con la famiglia.

Leggi anche —> Scomparsi | Cayetana Mora Martin detta Isabel, una donna che si sentiva controllata

I parenti del giovane più volte lasciarono l’Inghilterra per cercarlo. Il fratello minore si recò non soltanto in Italia ma anche a Glasgow e a Medjugorie. Riferì anche che Thomas a 18 anni si era recato in India e che quell’esperienza lo sconvolse parecchio tanto che fatto rientro a casa ebbe difficoltà a reinserirsi in società.

Il fratello, inoltre, disse che era fidanzato, ma che la sua ragazza lo avrebbe lasciato. Un avvenimento che segnò particolarmente il 30enne, il quale da quel momento in poi visse in uno stato di confusione. Di segnalazioni ne arrivarono a centinaia tra cui anche quella di un monaco che era certo di averlo visto.

Ad un certo punto le speranze della famiglia si riaccendono quando si scopre che un uomo si sarebbe recato ad un centro Caritas tesserandosi con il nome proprio di Thomas Moore, ma il documento era senza foto e la data di nascita errata. Un’informazione che però fece tirare un sospiro di sollievo alla famiglia, la quale era attanagliata dal timore che all’uomo potesse essere accaduto qualcosa di terribile.

Nel 2011 arriva alla redazione del programma condotto da Federica Sciarelli un video da parte di un telespettatore nel quale si vede un uomo intento a suonare una chitarra. Il filmato è stato girato a Villa Literno, provincia di Caserta.

L’uomo protagonista delle immagini diceva di venire da Gerusalemme, ma dai frame era impossibile capirne l’età. All’esito di numerosi raffronti con foto in possesso della famiglia, il fratello di Thomas torno in Italia per provare ad incontrare quell’uomo. Ma purtroppo quest’ultimo non si trovava più lì.

(Pixabay)

La famiglia di Thomas si è sempre recata in Italia ogni qualvolta venivano rilevati degli avvistamenti. Purtroppo, però, del loro familiare nessuna notizia. Il suo resta un caso di scomparsa irrisolto.