Tragico incidente sul lavoro: operaio muore mentre lavora in azienda

Un operaio di 58 anni è morto stamane in un’azienda di Novellara, in provincia di Reggio Emilia, dopo essere stato colpito da sacco di mangimi.

Operaio
(PIRO4D – Pixabay)

Ancora una morte bianca in Italia. L’ennesimo incidente sul lavoro si è registrato questa mattina in un’azienda, sita nella zona industriale di Novellara, in provincia di Reggio Emilia. La vittima è un operaio di 58 anni che, per cause ancora in fase di verifica, è stato schiacciato da un sacco di mangimi precipitato da un muletto. I colleghi hanno lanciato l’allarme, ma quando i soccorsi sono arrivati sul posto non c’è stato più nulla da fare.

Reggio Emilia, schiacciato da un sacco di mangimi: muore operaio di 58 anni

All’alba di questa mattina, mercoledì 30 giugno, un operaio è morto mentre lavorava in un’azienda della  zona industriale di Novellara, comune in provincia di Reggio Emilia.

Eliambulanza
Eliambulanza (Silvano Rebai- Adobe Stock)

A perdere la vita un 58enne di Reggiolo, di cui non è stata resa nota l’identità. L’uomo, secondo quanto appreso dall’agenzia AdnKronos e dalla stampa locale, stava lavorando nell’azienda quando improvvisamente è stato colpito e schiacciato da un sacco di mangimi dal peso di 12 quintali caduto da un muletto. Accortisi di quanto accaduto, alcuni colleghi hanno soccorso il 58enne ed hanno lanciato l’allarme.

Leggi anche —> Travolto da un trattore mentre lavora nell’azienda dello zio: muore giovane operaio

In pochi minuti, presso l’azienda sono arrivati un’ambulanza del 118 con a bordo lo staff medico e i mezzi dei vigili del fuoco. Purtroppo per l’operaio non c’è stato nulla da fare ed i medici ne hanno constatato il decesso: troppo gravi le ferite riportate nell’incidente. Considerata la gravità della situazione, nel cortile della ditta era atterrato l’elisoccorso, poi fatto rientrare.

Leggi anche —> Travolto da un cumulo di grano trebbiato: bambino di 10 anni perde la vita

Vigili del Fuoco
Vigili del Fuoco (ChiccoDodiFC – Adobe Stock)

Intervenuti anche i carabinieri ed i tecnici dello Spsal (Servizio Prevenzione e Sicurezza Ambienti di Lavoro) dell’Ausl di Guastalla che hanno avviato le indagini per ricostruire la dinamica e le cause del tragico episodio. Le indagini, scrive AdnKronos, sono coordinate dalla Procura della Repubblica di Reggio Emilia.