L’eredità di Silvio Berlusconi, i figli pensano alla successione. I dettagli

Cosa succederà con l’eredità di Silvio Berlusconi? I figli si stanno già organizzando: spuntano dei documenti importanti

Silvio Berlusconi caduto ospedale
Silvio Berlusconi (Getty Images)

L’eredità di Silvio Berlusconi non è di certo un gioco, lo sanno bene i figli del Cavaliere che non hanno perso tempo e sono già corsi dal notaio per avere delle delucidazioni al riguardo.

Nonostante siano ancora molto giovani, i figli del noto imprenditore milanese e di Veronica Lario stanno già capendo come muoversi una volta che il padre non ci sarà più. Proprio in questi giorni sono spuntati alcuni documenti che sarebbero dovuti rimanere riservati.

GUARDA QUI>>Sonia Bruganelli l’ha fatta grossa: i fan non la perdonano. Il VIDEO della vergogna è virale

L’eredità di Silvio Berlusconi, fuori alcuni dettagli

Silvio Berlusconi
Il Cavaliere, Silvio Berlusconi (getty images)

GUARDA QUI>>“I mel**i signora”, Wanda Nara e il décolleté esplosivo, i fan apprezzano – FOTO

Luigi Berlusconi si è recato dal notaio Mario Notari a Milano in qualità di presidente di H14, la società che controlla al 33,3%, allo stesso livello delle sorelle Barbara ed Eleonora e detiene come bene principale il 21,4% di Fininvest.

Secondo quanto riporta Andrea Giacobino sul giornale finanziario Italia Oggi: “L’assemblea straordinaria ha deliberato l’adozione di un nuovo statuto mentre la durata della società è stata modificata dal 31 dicembre 2050 al 31 dicembre 2100 – spiega – convertendo le 1,04 milioni di attuali azioni ordinarie per 977mila 600 titoli in azioni A e per i restanti 62mila 400 titoli in azioni D”.

La modifica a cui si fa riferimento presenta quattro categorie di azioni A, B, C e D. Quelle della prima fascia possono essere detenute solo dai soci attuali, dai discendenti che abbiano compiuto il 25esimo anno d’età e da società controllate dalle classi sopra riportate.

Le B possono essere trattenute solo dai discendenti sotto al venticinquesimo anno di età o da società controllate da quest’ultimi. Invece, le azioni C solo, a seguito di acquisto mortis causa, da soggetti diversi dai soci attuali, dai discendenti o da società controllate da loro.

Per le D possono essere detenute solo da soggetti diversi rispetto a quelli a cui appartengono le altre azioni.

Barbara e Luigi Berlusconi
Barbara e Luigi Berlusconi (Getty Images)

Queste sono solo alcune informazioni trapelate da alcuni documenti riservati sulla famiglia Berlusconi. Riguardo al resto non ci sono notizie.