Donna ritrovata morta nella sua auto: compagno ucciso dalla polizia

A riferirlo sono le autorità locali, le quali hanno annunciato l’avvio all’inchiesta per ulteriori accertamenti. 

Polizia Francia
Polizia francese (Getty Images)

Agghiacciante scoperta in un villaggio del Doubs, nella regione francese della Borgogna-Franca Contea. Il rinvenimento risale allo scorso venerdì sera (23 luglio), quando gli agenti della procura locale hanno ritrovato il corpo di una donna di 54 anni all’interno del bagagliaio della sua auto. Il responsabile del femminicidio, il suo compagno, è stato catturato e ucciso dagli agenti dopo aver aggredito e minacciato diverse persone. Le autorità hanno annunciato l’avvio alle indagini per ulteriori accertamenti sull’accusato, 39 anni. A seguire maggiori dettagli.

LEGGI ANCHE >>> Maxi-rave illegale assembra 2500 persone nella notte

Il pm di Besançon: “molto probabile la pista del femminicidio”

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE >>> Non indossa la mascherina: agente spara e uccide uno studente

La notizia trova conferma nei media locali. Secondo quanto riportato dai notiziari francesi, l’imputato avrebbe confessato il femminicio a un vigile del fuoco, al quale avrebbe rivelato di aver ripetutamente “picchiato a morte” la compagna. Secondo i primi elementi, la vittima sarebbe difatti deceduta a causa delle gravi lesioni riportate alla testa, con conseguente “trauma cranico mortale“. La tragedia si è consumata lo scorso venerdì sera (23 luglio) a Guillon-les-Bains, un comune di circa 110 abitanti vicino a Besançon, nella Franca Contea.

Stando a quanto riferisce la fonte ufficiale della procura di Besançon, la salma della 54enne è stata rinvenuta nel bagagliaio della sua auto, parcheggiata a lato di una stradina sulle alture del paese. Il veicolo, una Twingo, riportava due ammaccature sul parabrezza anteriore e un fanale posteriore rotto. La vettura risultava inoltre priva di un lunotto posteriore. Secondo le prime ricostruzioni, scendendo verso il paese l’aggressore, “visibilmente scosso“, ha in seguito “minacciato altre persone e il sindaco.” Di ritorno verso il veicolo della compagna, il criminale ha aggredito un vigile del fuoco accorso sul posto per poi darsi alla fuga dentro un bosco limitrofo. La latitanza è durata poco: il malvivente è stato fermato a colpi di taser all’altezza del torace da una squadra di gendarmeria: l’uomo è morto due ore dopo.

Polizia francese
Polizia francese (Getty Images)

La fedina penale del sospettato è macchiata da un reato di furto e da guida in stato di ebbrezza. L’esame autoptico dei corpi sarà effettuato a inizio settimana.