Morto Rodney Alcala: uno dei più sanguinari serial killer della storia

Rodney James Alcala, considerato uno dei peggiori serial killer della storia degli Stati Uniti, è morto in carcere all’età di 77 anni.

novara ergastolo madre omicidio
Carcere (Getty Images)

Considerato uno dei più feroci e sanguinari serial killer della storia americana, Rodney James Alcala, è morto in carcere all’età di 77 anni. Il temutissimo assassino statunitense è stato condannato a morte nel 2010 e da allora è rimasto in attesa di essere giustiziato nel penitenziario di San Quintino, a nord di San Francisco. Secondo quanto riporta il comunicato ufficiale dei funzionari della prigione, il decesso è avvenuto per cause naturali in una clinica di San Joaquin Valley, in California.

LEGGI ANCHE >>> Maxi-rave illegale assembra 2500 persone nella notte

La storia di Rodney Alcala, meglio noto come “Dating Game Killer”

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Mun2noticias (@mun2noticiast)

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE >>> Non indossa la mascherina: agente spara e uccide uno studente

Rodrigo Jacques Alcala Buquor è ricordato negli Stati Uniti d’America per aver ucciso circa 130 persone in diverse parti degli Stati Uniti. L’assassino seriale statunitense è meglio conosciuto come “Dating Game Killer, per lo spaventoso numero di omicidi di ragazzi e ragazze a cui dava appuntamento. Notizia confermata anche dall’esito delle perquisizioni. Secondo le stime dei notiziari statunitensi, nella sua abitazione erano state rinvenute oltre 1.000 foto relative ad adolescenti, ragazze e giovani donne: l’assassino attirava a sé le vittime presentandosi come un noto “fotografo professionista di successo“. Dopo averle violentate e uccise, Rodney James Alcala prendeva la macchinetta fotografica e scattava nudo accanto ai cadaveri in varie posizioni sessualmente esplicite.

Rodney James Alcala fu condannato per la prima volta nel lontano 1980 per 5 omicidi tra il 1977 e il 1979. Tra questi si ricordano il rapimento e l’omicidio della 12enne Robin Samsoe. A seguire, l’esito del DNA lo incriminò per la morte della diciottenne Jill Barcomb; della 27enne Georgia Wixted nel 1977; di Charlotte Lamb, 32 anni, nel 1978, e di Jill Parenteau, 21 anni, nel 1979. Il 7 marzo 2013, il tribunale di Manhattan gli ha conferito altri 25 anni di carcere per altri due omicidi a New York. Il serial killer era malato da tempo: ultimamente le sue condizioni di salute erano peggiorate e Rodney era in cura presso l’ospedale di San Joaquin Valley, regione meridionale nella Valle Centrale di California.

Carcere
Carcere (Getty Images)

Rodney James Alcala, considerato uno dei serial killer più sanguinari e violenti della storia americana, è stato spesso paragonato al noto serial killer statunitense Ted Bundy, giustiziato nel 24 gennaio 1989.

Fonte CNN