Tennis: Washington, Sinner vince il suo terzo titolo. Nuovo orgoglio tricolore

Il 19enne altoatesino ha battuto in finale il 26enne statunitense Mackenzie McDonald, si tratta del suo terzo titolo in carriera.

Jannik Sinner Atm Washington finale
Sinner (Foto Instagram)

Il giovanissimo Jannik Sinner poche ore fa ha vinto il “Citi Open”, Atp 500 da 1.895.290 dollari disputato sui campi in cemento di Washington DC.

Si tratta del primo italiano ad approdare alla finalissima di Washington. Ricordiamo che nel lontano 1980 Corrado Barazzutti e poi Renzo Furlan nel 1996 si erano fermati in semifinale.

Sinner con questo ultimo match ha conquistato il terzo titolo in carriera su quattro finali disputate: la prima a Sofia nel 2020 al Great Ocean Road Open di Melbourne, lo scorso febbraio gli altri due successi, ad aprile invece è stato battuto in finale da Hurkacz al Masters 1000 di Miami.

LEGGI ANCHE –> Alessandro Borghese, la dedica per il “suo” campione: “Ti aspetto per…”

Jannik Sinner vince su Mackenzie McDonald per 7-5 4-6 7-5

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Jannik Sinner (@janniksin)

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE –> Gianni Morandi e il momento più difficile per il grande amico: “Farai ancora grandi cose” – FOTO

Per Sinner si tratta del terzo titolo in carriera. Il numero 24 del ranking si è imposto in finale sul collega statunitense Mackenzie McDonald per un punteggio di 7-5 4-6 7-5 dopo 2 ore e 53 minuti di gioco.

Da oggi Sinner sale dunque al n. 15 della classifica Atp, suo best ranking personale ma anche per l’Italia. Il 19enne di Sesto Pusteria in provincia di Bolzano diventa anche il più giovane vincitore nella storia di un 500.

Si tratta anche del secondo italiano a raggiungere la finale in tutte e tre le categorie di tornei Atp, ovvero 250, 500 e 1000, nella stessa stagione dopo Matteo Berrettini che ha sfiorato la finale in uno Slam.

Jannik Sinner Atm Washington finale
Jannik Sinner (Foto Instagram)

Sinner non ha partecipato alle Olimpiadi ma si tratta di un’ennesima vittoria che si aggiunge al già consistente medagliere nazionale dopo le ultime settimane in cui i nostri azzurri si sono fatti notare per grinta e capacità nel reggere la pressione anche nei momenti più impegnativi.