Coronavirus, il bollettino del 14 settembre: 4.021 nuovi casi di contagio e 72 decessi

Il Ministero della Salute, nella giornata di oggi, martedì 14 settembre, ha comunicato i numeri dell’epidemia da coronavirus in Italia tramite bollettino.

Bollettino coronavirus mappa regione
(Ministero della Salute)

Appena aggiornato lo stato dell’epidemia da coronavirus diffusasi nel nostro Paese. Stando al bollettino odierno del Ministero della Salute, le persone risultate positive al virus dall’inizio dell’emergenza sono 4.613.214, ossia 4.021 casi in più rispetto a ieri. Prosegue il calo dei soggetti attualmente positivi che ad oggi ammontano a 122.340 (-3.564), così come i pazienti ricoverati in terapia intensiva554 in totale e 9 in meno di ieri. I guariti sono 4.360.847 con un incremento rispetto a ieri di 7.501 unità. Nelle ultime 24 ore si sono registrati 72 decessi che hanno portato il bilancio delle vittime totale a 130.027.

La Regione Abruzzo, si legge nelle note, ha eliminato 6 casi dal totale, 2 in quanto duplicati e 4 in quanto già segnalati da altra regione. Anche l’Emilia Romagna ha sottratto 6 casi, positivi a test antigenico ma non confermati da tampone molecolare. La Campania specifica che 3 dei decessi comunicati in data odierna sono riconducibili: uno a marzo 2021 e due ai giorni scorsi. La Regione Sicilia segnala che i decessi riportati oggi sono riconducibili ai giorni scorsi.

Coronavirus, bollettino: i numeri in Italia nella giornata di lunedì 13 settembre

Stando al bollettino di ieri, i casi di contagio dall’inizio dell’emergenza erano saliti a 4.609.205.

Coronavirus
(Getty Images)

Ancora in calo soggetti attualmente positivi che risultavano essere 125.904. Crescevano, invece, i ricoveri in terapia intensiva che ammontavano a 563 in totale. Le persone guarite sono 4.353.346. Purtroppo, continuava ad aggravarsi il bilancio delle vittime in Italia che portavano il totale a 129.955.

PER APPROFONDIRE LEGGI QUI —> Covid-19, il bollettino del 13 settembre: 2.800 nuovi casi e 36 morti

Coronavirus, bollettino: i numeri del Covid-19 in Italia nella giornata di domenica 12 settembre

Stando ai dati contenuti nel bollettino del Ministero della Salute di domenica, i casi di contagio erano saliti a 4.606.413. Proseguiva il calo dei soggetti attualmente positivi che ammontavano a 127.334. Salivano, invece, i pazienti ricoverati nei reparti di terapia intensiva che erano 559 in totale. Le persone guarite dall’inizio dell’emergenza erano 4.349.160. Il bilancio delle vittime totale saliva a 129.919.

PER APPROFONDIRE LEGGI QUI —> Coronavirus, il bollettino del 12 settembre: 4.664 nuovi casi e 34 decessi

Farmaco anti-gotta, l’efficacia contro il Covid scoperta da un studio

Un recente studio dell’Università della Georgia pubblicata su Nature’s Scientific Reports, avrebbe riscontrato come un farmaco impiegato nella cura della gotta sarebbe efficace contro il Covid. Si chiama Probenecid ed avrebbe proprietà in grado di estendere il suo uso anche ad altre tipologie di malattie a carattere virale.

Secondo i ricercatori, riporta la redazione di Sky Tg24, potrebbe quindi utilizzarsi in sicurezza non soltanto perché ormai sono oltre 4 decenni che è in commercio, ma anche perché gli effetti collaterali sarebbero minimi. Il Probenicid riuscirebbe ad interrompere il meccanismo vitale del virus, ossia la replicazione così da non consentirgli di infettare le cellule.

Migranti, iniziano vaccinazioni anti-covid a Lampedusa

La campagna di vaccinazione in Sicilia pare mostrare segni di ripresa, facendole lasciare l’ultimo posto in classifica che si era guadagnata con la refrattarietà della popolazione alle somministrazioni. In generale il quadro sarebbe nettamente positivo. Ma ora per dare una vera sferzata è partita un’azione capillare di vaccinazione sulle isole minori, in primis Lampedusa dove sarà incentivata la somministrazione non soltanto alla popolazione ma anche ai migranti. L’Amministrazione, riporta Il Corriere della Sera, ha eretto due piccoli hub ed in ognuno di essi a presidio ha posto un team di operatori sanitari.

Green Pass, a breve la decisione definitiva del governo

Nella giornata di oggi è atteso il voto del Senato sul nuovo decreto che all’interno conterrà anche norme relative la Green Pass. Con ogni probabilità tutti i lavoratori della Pubblica Amministrazione dovranno essere vaccinati, nonché anche i dipendenti di società ad amministrazione partecipata dello Stato e dei tribunali. Questa l’ipotesi sempre più concreta circa l’estensione dell’obbligo del documento.

Il premier Draghi, sul punto, è in procinto di riunire il Consiglio dei Ministri non prima di aver indetto una Cabina di regia per ulteriori approfondimenti.

Secondo indiscrezioni di palazzo, riferisce la redazione de Il Corriere della Sera, il Dl dovrebbe ottenere la fiducia. Resta, invece, soltanto una possibilità remota quella dell’obbligo vaccinale, che potrebbe essere l’extrema ratio qualora non si raggiungesse il 90% dei vaccinati entro i prossimi trenta giorni. Intanto, dal 20 di questo mese inizierà la somministrazione delle terze dosi per i soggetti ritenuti fragili.

La questione Green Pass resta, dunque, un tema caldo ancora al centro di numerose discussioni. Le forze politiche non sarebbero tutte concordi sul punto. Si ricorda il punto di vista di Matteo Salvini il quale ha proposto che al più, il Governo dovrebbe contemplare l’ipotesi di offrire tamponi gratis per quella fascia di popolazione che decide di non vaccinarsi.