Riforma Fiscale, Salvini tiene il punto: “Necessarie delle specifiche”

Matteo Salvini torna all’attacco e chiede che il testo della riforma fiscale contenga delle precisazioni fondamentali per tutelare i cittadini.

Matteo Salvini
Matteo Salvini (Getty Images)

Dopo l’autocritica, si torna all’attacco. Matteo Salvini, reduce da elezioni amministrative per nulla soddisfacenti, si è gettato a capofitto sulla riforma fiscale. Un punto caldo, il cui testo, ad avviso della Lega, andrebbe limato e su cui sarebbero necessarie delle precisazioni.

Riforma Fiscale, Matteo Salvini è perentorio: la richiesta del leader della Lega

Il Governo non avrebbe messo in discussione l’introduzione di nuove tasse. Sospiro di sollievo? Si, ma non per Salvini il quale vuole tutto nero su bianco.

Mario Draghi
Il premier Mario Draghi (Getty Images)

Il leader della Lega ha precisato di fidarsi ciecamente di Mario Draghi, ma quando fra un anno lui non ci sarà più cosa accadrà? Chi verrà dopo di lui si atterrà alle norme e, quelle contenute nella riforma fiscale, lascerebbero aperti troppi margini interpretativi.

Leggi anche —> Letta attacca Salvini: “Il suo è uno strappo gravissimo e irresponsabile”

Io mi fido di Draghi oggi ma tra un anno chi ci sarà? L’80% degli italiani ha una casa” queste le parole di Mattero Salvini, riporta l’Ansa, ai microfoni di Rtl 102.5.

Leggi anche —> Lega, mea culpa sulle elezioni: le parole di Matteo Salvini

La prima richiesta del Carroccio riguarda l’eliminazione del comma sull’aggiornamento. E poi, quanto all’IVA, si parla di rimodulazione ma non viene specificato al ribasso. Il leader della Lega ha spiegato come, all’esito del mandato, Draghi potrebbe essere sostituito da chiunque, e a tal proposito tira in ballo “un Monti”. Attraverso quella delega in bianco, sottolinea Salvini, le tasse potranno tranquillamente essere aumentate. Ed allora, la sua preoccupazione è che i suoi elettori lo accuseranno di aver avvallato tale sistema al momento dell’approvazione della riforma. Un punto che, invece, da sempre è al centro della campagna leghista.

Matteo Salvini
Matteo Salvini (Getty Images)

La posizione di Matteo Salvini è, dunque, molto chiara: sostenere il Governo. Eppure in tanti lo riterrebbero una “mina vagante” per l’Esecutivo, come Giuseppe Provenzano, riporta l’Ansa. Il vicesegretario del Pd avrebbe spiegato come le ultime elezioni avrebbero gettato la Lega in uno stato confusionale.