Covid, inchiesta a Wuhan: la Cina esaminerà campioni di sangue del 2019

L’ambizioso progetto della Cina prevede l’analisi di 200mila di campioni di sangue a Wuhan per accertare le origini del coronavirus.

Coronavirus
(Getty Images)

Sotto la pressione dell’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS), la Cina ha annunciato l’abbrivio ai test di 200mila di campioni di sangue a Wuhan per accertare le origini del SARS-CoV-2. Lo ha riferito la CNN questo mercoledì 13 ottobre, la cui fonte precisa che l’esame verterà solo su prelievi risalenti al 2019, anno di scoppio dell’epidemia, diffusa a livello globale da ormai due anni.

NON PERDERTI ANCHE >>> Gabby Petito: il medico legale stabilisce la morte per strangolamento

Banca del sangue da 200mila campioni

 

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE >>> Dal carcere, lo status di Alexei Navalny cambia in “terrorista ed estremista”

Secondo quanto si apprende dalla fonte ufficiale, si pensa che la culla della longeva pandemia virale sia proprio la città e capitale della provincia di Hubei, nella Cina Centrale. L’ipotesi prevalente addita difatti Wuhan quale principale nucleo embrionale dei primi focolai di Covid-19 negli esseri umani. Il nuovo progetto annunciato dai funzionari cinesi era già stato suggerito dall’OMS lo scorso febbraio: l’organizzazione aveva qualificato i campioni di sangue come potenziali soluzioni empiriche ai quesiti irrisolti dei ricercatori.

L’informazione trova ampia risonanza nei media internazionali, che confermano la presenza di almeno 200.000 campioni di sangue a Wuhan. I prelievi si trovano attualmente tra le mura del laboratorio e centro ematologico di Wuhan Blood Center. Stando a quanto si apprende dalle dichiarazioni dei funzionari cinesi citati dalla CNN, la banca del sangue è stata conservata per due anni come prova per possibili azioni legali sulla loro donazione. Il notiziario data la fine della conservazione nei “mesi chiave di ottobre e novembre 2019″, potenziale periodo rosso in termini di contagiosità da SARS-CoV-2 secondo la maggior parte degli esperti.

Un membro della Commissione sanitaria nazionale cinese ha annunciato il prosieguo della preparazione dei test dei campioni, la cui analisi è necessaria per svelare “indizi assolutamente vitali” sull’origine del Covid-19, ha riferito Maureen Miller, professoressa associata di epidemiologia alla Columbia University,

Coronavirus
(Getty Images)

La ricercatrice ha sollecitato gli investigatori cinesi a consentire agli esperti stranieri di partecipare all’analisi in nome della credibilità della sperimentazione: “Nessuno crederà ai risultati senza la presenza di osservatori qualificati esterni.

Fonte CNN