Travolta da una porta da calcio in un campo dismesso: muore bambina di soli 5 anni

Nel pomeriggio di ieri a Rocca di Botte, in provincia de L’Aquila, una bambina di 5 anni è morta dopo essere stata colpita da una porta di calcio in un campetto in disuso.

Eliambulanza
Eliambulanza (Silvano Rebai- Adobe Stock)

Terribile tragedia nel pomeriggio di ieri a Rocca di Botte, in provincia de L’Aquila. Una bambina di soli 5 anni è morta dopo essere stata travolta da una porta di ferro, mentre si trovava in un campo da calcio dismesso insieme ai genitori. Proprio quest’ultimi hanno chiamato i soccorsi che, giunti sul posto, non hanno potuto far nulla per la piccola. Su quanto accaduto è stata aperta un’inchiesta e sono in corso le indagini dei carabinieri.

L’Aquila, colpita da una porta da calcio in un campo dismesso: muore bambina di 5 anni

Aveva solo 5 anni Sofia Piccoli, la bambina morta ieri pomeriggio, martedì 19 ottobre, a Rocca di Botte, piccolo comune in provincia de L’Aquila.

Soccorsi
Soccorsi (wellphoto – Adobe Stock)

Secondo quanto ricostruito, come riporta la stampa locale e la redazione di Leggo, la bimba, originaria della provincia di Roma, era arrivata nel piccolo paesino insieme ai giovani genitori per trascorrere qualche giorno nella seconda casa dei nonni materni. Durante una passeggiata, la coppia, la piccola ed il loro cane sono entrati in un campo di calcio in disuso. Qui la tragedia: per cause ancora da determinare, una porta di ferro è caduta improvvisamente colpendo la bambina alla testa. I genitori hanno subito lanciato l’allarme.

Leggi anche —> Ragazzo di 18 anni scomparso da domenica: si concludono tragicamente le ricerche

In pochi minuti, presso il campo sportivo è arrivata l’equipe medica del 118 a bordo di un’ambulanza e di un’eliambulanza. Il personale medico ha provato a rianimare la piccola, ma ogni tentativo si è rivelato inutile e alla fine si è dovuto arrendere costatandone il decesso.

Leggi anche —> Travolto da un albero mentre lavora: morto giovane boscaiolo

Carabinieri
Carabinieri (marcodotto – Adobe Stock)

Intervenuti, per gli accertamenti del caso, anche i carabinieri che ora stanno indagando per chiarire la dinamica dell’accaduto. A coordinare le indagini, scrive Leggo, la Procura della Repubblica di Avezzano che ha aperto un fascicolo per omicidio colposo. Al vaglio degli inquirenti modalità di sicurezza della struttura che è stata posta sotto sequestro.