Covid-19, il bollettino del 3 novembre: 5.188 nuovi casi di contagio e 63 decessi

Il Ministero della Salute, nella giornata di oggi, mercoledì 3 novembre, ha comunicato i numeri dell’epidemia da Covid-19 in Italia tramite bollettino.

Bollettino coronavirus mappa regione
(Ministero della Salute)

Il Ministero della Salute, come di consueto, ha pubblicato sul proprio sito il bollettino sull’epidemia da coronavirus diffusasi nel nostro Paese. Stando ai dati odierni, i casi di contagio sono saliti a 4.782.802 con un incremento rispetto a ieri di 5.188 unità. In crescita anche i soggetti attualmente positivi che risultano essere ad oggi 85.287 (+840). Scende, invece, il numero dei ricoveri in terapia intensiva che ammonta a 381 (-4). Le persone guarite dall’inizio dell’emergenza sono 4.565.291, ossia 4.285 in più rispetto a ieri. Nelle ultime 24 ore si sono registrati 63 decessi che hanno portato il bilancio complessivo delle vittime a 132.224.

La Provincia Autonoma di Bolzano, si legge nelle note, specifica che 8 casi riportati oggi sono relativi a tamponi refertati lunedì. La Puglia comunica che 7 degli 8 decessi riportati in data odierna sono riferiti a eventi ai mesi di agosto e ottobre 2021. La Sicilia segnala che da ieri per quanto riguarda la rilevazione del dato aggregato sui tamponi rapidi è in uso a livello regionale un nuovo flusso informativo che tiene conto di ulteriori fonti (ad esempio le farmacie). Inoltre ha comunicato che i decessi riportati oggi si riferiscono ai giorni scorsi. Infine, la Regione Veneto specifica che il dato dei tamponi antigenici e quello dei casi confermati di oggi includono anche tamponi e casi relativi agli ultimi tre giorni.

Covid-19, bollettino: i numeri nella giornata di martedì 2 novembre

Stando al bollettino diramato nel pomeriggio di ieri, i casi di contagio dall’inizio dell’emergenza salivano a 4.777.614.

Coronavirus
(Getty Images)

Saliva anche il numero dei soggetti attualmente positivi che ammontavano a 84.447, così come quello dei pazienti in terapia intensiva che risultavano 385. I guariti complessivi sono 4.561.006, ossia 2.065 in più rispetto a ieri. Si aggrava ancora il bilancio dei decessi in Italia con 41 vittime registrate nelle ultime 24 ore che hanno portato il totale a 132.161.

PER APPROFONDIRE LEGGI QUI —> Coronavirus, il bollettino del 2 novembre: 2.834 nuovi casi e 41 vittime

Coronavirus, bollettino: i numeri del Covid-19 in Italia nella giornata di lunedì 1 novembre

Stando ai dati contenuti nell’aggiornamento sull’epidemia di lunedì, i casi di contagio complessivi ammontavano a 4.774.783. Salivano anche i soggetti attualmente positivi che risultavano essere 83.722, così come i pazienti ricoverati in terapia intensiva: 364 in totale. Le persone guarite dall’inizio dell’emergenza erano 4.558.941 mentre il bilancio dei morti totale saliva a 132.120.

PER APPROFONDIRE LEGGI QUI —> Covid-19, il bollettino dell’1 novembre: 2.818 nuovi casi e 20 morti

Covid-19, obbligo vaccinale per alcune categorie: “Pronti a prenderlo in considerazione”

L’andamento del quadro epidemiologico in Italia starebbe destando non poche preoccupazioni. Il Governo, per tale ragioni avrebbe iniziato a valutare l’ipotesi di introdurre l’obbligo vaccinale per determinate categorie.

A rappresentare la circostanza il sottosegretario alla Salute Andrea Costa, il quale ha spiegato che sul tavolo viene analizzata ogni qualsivoglia iniziativa per tutelare i cittadini. “L’obbligo vaccinale per alcune categorie? Non è assolutamente un tabù e siamo pronti a prenderlo in considerazione“. Queste le sue parole nel corso di un’intervista rilasciata ai microfoni di “Restart 264” in onda su Cusano Italia Tv.

Attualmente, ha sottolineato Costa, la popolazione ha risposto bene alla campagna vaccinale. Pertanto è necessario continuare a percorre questa strada. Tuttavia il Governo si dice già pronto ad intraprendere nuovi ed ulteriori percorsi pur di proteggere la popolazione.

Non sono mancate considerazioni in ordine al Green Pass. Il sottosegretario ha spiegato come la sua introduzione sia stata una scelta obbligata. Il Certificato e la sua utilità saranno rimessi nuovamente al vaglio solo quando il 90% della popolazione sarà vaccinata. Al momento, per raggiungere tale obbiettivo mancherebbero all’appello ancora 2 milioni di persone.

PER APPROFONDIRE LEGGI QUI —> Covid-19, obbligo vaccinale per alcune categorie: “Pronti a prenderlo in considerazione”

Covid, straordinaria scoperta: rilevato un anticorpo “jolly”

Un recente studio avrebbe rilevato la presenza di un anticorpoJolly” contro il Covid il quale pare sia in grado di dispiegare i propri effetti anche contro le varianti. A condurre la ricerca, riporta AdnKronos, un team di studiosi americani della Duke University di Durham e della University of North Carolina (Unc) di Chapel Hill.

Stando ai risultati questo anticorpo sarebbe stato dapprima individuato e poi testato su modelli animali. La sua scoperta è avvenuta analizzando dei campioni ematici di un soggetto risultato positivo al Covid. Il “Jolly” sarebbe in grado di agganciare tutti i virus della famiglia del Sars-Cov e sarebbe in grado sia di fermare l’infezione, sia addirittura di prevenirla.


Lo studio è di portata epica. I risultati ottenuti, ha commentato il professore a capo del team stando a quanto riferisce AdnKronos, ha affermato che donano un modello “per la progettazione razionale di strategie vaccinali universali, che siano a prova di variante e forniscano un’ampia protezione dai coronavirus noti ed emergenti“.