Raccapricciante scoperta in una grotta del vulcano: trovati resti umani

I resti di un uomo, che sarebbe deceduto diversi anni fa, sono stati trovati dalla Guardia di Finanza in una grotta dell’Etna, nel territorio di Zafferana Etnea (Catania).

Guardia di Finanza
Guardia di Finanza (Getty Images)

Agghiacciante scoperta questa mattina sulle pendici dell’Etna. Nel corso di un’esercitazione, nel territorio di Zafferana Etnea (Catania), i militari del soccorso alpino della Guardia di Finanza hanno rinvenuto dei resti umani all’interno di una grotta lavica. Dai primi riscontri, pare si tratti di un uomo di mezz’età che sarebbe deceduto circa 40 anni fa. I resti sono stati trasportati in obitorio e sono scattate le indagini per ricostruire cosa possa essere accaduto all’uomo.

Catania, resti umani in una grotta dell’Etna: appartengono ad un uomo morto circa 40 anni fa

Etna
(Getty Images)

 

Resti umani all’interno di una grotta lavica dell’Etna. Questa la raccapricciante scoperta fatta questa mattina, dal soccorso alpino della Guardia di Finanza di Nicolosi nel territorio di Zafferana Etnea, comune in provincia di Catania.

I militari delle fiamme gialle erano impegnati in una consueta esercitazione sulle pendici del vulcano, quando uno dei cani da soccorso e da ricerca, un pastore tedesco, ha iniziato ad abbaiare verso l’anfratto destando l’attenzione del suo conduttore. Immediatamente i finanzieri hanno fatto ingresso nella cavità, operazioni rese complicate dalle condizioni di quest’ultima essendo molto stretta e accidentata. Qui, sul fondo, hanno ritrovato i resti umani.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Cade da un’impalcatura mentre lavora: operaio perde la vita

Dai primi riscontri, come spiegato dagli stessi militari, pare si tratti di un uomo di pressappoco 50 anni e alto circa 170 cm, con delle malformazioni congenite al naso ed alla bocca. Il decesso, secondo le prime analisi, sarebbe avvenuto tra la fine degli anni ’70 e gli anni ’90, probabilmente in autunno o in inverno, e per cause non violente all’interno della grotta stessa, dove l’uomo si sarebbe introdotto di sua spontanea volontà.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Tragedia all’università: docente precipita dalla tromba delle scale e perde la vita

I resti sono stati trasferiti presso l’obitorio dell’ospedale Cannizzaro di Catania, dove verranno effettuati ulteriori accertamenti per chiarire le cause della morte ed identificare l’uomo. In tal senso, la Guardia di Finanza ha fornito alcuni dettagli sui vestiti indossati da quest’ultimo: dei pantaloni lunghi di colore scuro, una camicia chiara a righe, un maglione leggero di lana, una cravatta nera, una mantellina di nylon verde scuro, un cappello di lana con pon-pon e degli scarponcini Pivetta numero 41. I Sagf ha anche rinvenuto un orologio marca Omega con cinturino in tela, un pettine con custodia e delle vecchie monete delle vecchie lire.

Guardia di Finanza
Guardia di Finanza (mino21 – AdobeStock)

Oltre a fornire questi dettagli, le fiamme gialle hanno lanciato un appello chiedendo a chiunque possa avere informazioni in merito di contattare il comando al numero 095 519 2125.