Allarme scorpioni in città, almeno 500 feriti: avvio alla scorta di antidoti

La città di Assuan, nel sud dell’Egitto, sta vivendo un incubo senza precedenti: gli artropodi sono stati trasportati dalle piogge torrenziali.

il cairo
Il Cairo, Egitto (Photo by Marco Di Lauro/Getty Images)

La città di Assuan, nel sud dell’Egitto, sta vivendo un incubo senza precedenti. Da tre giorni consecutivi la città sul Nilo è in ginocchio, piegata da costanti attacchi di scorpioni con veleno considerato potenzialmente mortale. Il bilancio delle vittime riportato dal media locale Mada Masr è drammatico e conta finora più di 500 residenti feriti tra il centro di Assuan e i villaggi circostanti. Il bollettino ha assunto una piega tragica con l’annuncio del sottosegretario del ministero della Salute egiziano ad Assuan, Ehab Hanafy, il quale aveva in precedenza accennato che 3 persone sono decedute e altre 450 sono rimaste ferite da punture di scorpione a causa del maltempo e delle ultime inondazioni che hanno colpito Assuan“.

NON PERDERTI ANCHE >>> Sacré bleu: la bandiera torna alle origini, ma nessuno se ne accorge

Assuan sotto attacco: avvio alla politica dell’antidoto

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE >>> Crisi umanitaria al confine: la Polonia costruirà un muro di 180 km

La criticità della situazione è stata confermata dal governo egiziano. Nello specifico, le autorità governative hanno asserito il numero dei feriti, più di 500, precisando l’attuale bilancio delle vittime. L’informazione riportata dal sito Sada Elbad è stata tuttavia smentita dal Ministero della Salute indiano circa l’asserzione di tre persone morte avvelenate da puntura di scorpione. Stando a quanto si apprende dalle fonti ufficiali, gli artropodi velenosi avrebbero morso centinaia di persone: gli aracnidi sarebbero stati trascinati in strada e nei centri abitati delle piogge torrenziali.

L’ipotesi collima con la teoria di Khaled Abdel Ghaffar, il ministro egiziano dell’Istruzione superiore e della ricerca scientifica, nonché ministro della Salute ad interim. Di fronte alla criticità della situazione, il governo egiziano ha dato immediato avvio alla politica dell’antidoto. Stando alle ultime dichiarazioni dell’alto funzionario, finora sono stati contati 503 residenti beneficiari del farmaco anti-veleno. Nella sola giornata di sabato 13 novembre sono state distribuite più di 3.000 dosi di antidoto agli ospedali e alle unità sanitarie della città di Assuan.

L’emittente televisiva Al-Jazeera ha citato numerose testimonianze dagli ospedali e ha confermato che le persone lamentavano “forti dolori, febbre, sudorazione e dissenteria.” a causa delle punture di scorpione. In genere il veleno provoca dolore, intorpidimento o gonfiore. Nei casi più gravi, il morso dello scorpione può provocare danni respiratori, contrazioni muscolari ed eccessiva sudorazione; fino a estendersi a nausea, vomito, ipertensione e tachicardia.

In attesa di una scorta strategica di antidoti, Assuan ha chiuso le scuole della città per garantire la sicurezza di studenti e bambini.