Orrore in Mozambico: gruppo di jihadisti decapita un pastore evangelico

Il macabro gesto si è verificato nella provincia settentrionale di Cabo Delgado, in Mozambico: a riferirlo è la Carta de Mocambique.

Orrore in Mozambico: gruppo di jihadisti decapita un pastore evangelico
Isis (Getty Images)

Orrore a Cabo Delgado, in Mozambico, dove un gruppo di jihadisti ha decapitato un pastore evangelico. La tragica notizia è stata riferita dalla Carta de Mocambique. Secondo le stime ufficiali, l’organizzazione sarebbe affiliata all’ISIS, che, appoggiato dai Paesi arabi, dall’ottobre 2017 continua a seminare il panico tra i distretti di Cabo Delgado, la provincia più settentrionale del Mozambico ritenuta tesoriera di ricchezze naturali in virtù della sua posizione strategica per la presenza di progetti di gas internazionali.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE >>> Covid e Natale, Paesi Bassi: “rigoroso lockdown” a partire da domenica

La testa mozzata è stata consegnata alla moglie

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Ponto SJ (@pontosj.pt)

NON PERDERTI >>> Allerta Omicron, Londra intavola il Piano C sul lockdown

Stando a quanto si apprende dalle fonti ufficiali, i membri dello Stato Islamico continuano a seminare il terrore nella provincia settentrionale di Cabo Delgado. L’ultimo atto terroristico risale a pochi giorni fa, si parla di mercoledì 15 dicembre, quando il gruppo di jihadisti ha decapitato un pastore evangelico locale. Secondo quanto riferito, gli aggressori affiliati all’ISIS avrebbero in seguito consegnato la testa mozzata alla moglie della vittima.

Quest’ultima l’avrebbe a sua volta esibita al comando della stazione di polizia distrettuale di Cabo Delgado sotto intimidazione dei terroristi. Stando ai primi elementi riportati dalla fonte ufficiale, il gruppo armato ha colpito l’uomo nel villaggio di Nova Zambezia, nel distretto di Macomia. A testimoniare l’orrore è proprio la moglie della vittima, la quale ha riferito alle autorità locali che gli assassini hanno bloccato il marito in un campo prima di decapitarlo.

Quello contro il pastore evangelico è solo l’ultimo di una lunga lista di attacchi di matrice jihadista a opera del gruppo affiliato allo Stato Islamico di al-Shabab. L’organizzazione terroristica ha giurato fedeltà all’ISIS tre anni fa e conta almeno 4.500 membri. La maggior parte degli attacchi nella provincia di Capo Delgado dall’ottobre del 2017 sono stati perpetrati per mano degli stessi Al-Sunna wa Jama’a, altro nome degli al-Shabab.

Orrore in Mozambico: gruppo di jihadisti decapita un pastore evangelico
Isis (Getty Images)

Nel mirino degli attacchi di maggio 2020 c’è la cittadina di Mocimboa da Praia; da lì, gli atti terroristici si sono poi estesi in altri sette distretti.

PER RIMANERE AGGIORNATO GUARDA ANCHE: