Giovane donna non risponde al telefono, le amiche chiamano i soccorsi: tragico ritrovamento

Sara Scrimieri, una giovane donna originaria di Galatina (Lecce) è stata trovata morta all’interno della sua abitazione di Valencia.

Smartphone
(Pexels – Pixabay)

Una notizia che ha sconvolto l’intera comunità di Galatina quella della morte di una giovane 33enne, le cui cause sono state appurate dall’esame autoptico eseguito sulla salma. La giovane viveva a Valencia, in Spagna, dove si era trasferita nel 2018. A dare l’allarme alcune amiche preoccupate per il fatto che la giovane non rispondeva da tempo al telefono. Una circostanza insolita che le ha condotte a chiedere aiuto.

Valencia, morta donna di 33 anni: si era trasferita a Valencia da Galatina nel 2018

Ambulanza
(Kirill Gorlov – Adobe Stock)

È stata trovata senza vita nella sua abitazione di Valencia la giovane Sara Scrimieri, galatinese trasferitasi in Spagna nel 2018.

La ragazza di 33 anni non rispondeva da tempo al telefono – riportano fonti locali e la redazione di Leccenews24– una circostanza che avrebbe insospettito le sue amiche più care e che le avrebbe indotte, quindi, a chiedere aiuto.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Tragico incidente sulla provinciale: morto ragazzo di soli 19 anni

I vigili del fuoco hanno fatto accesso nel suo appartamento sfondando la porta d’ingresso. Ad un primo impatto, nulla sembrava fuori posto, poi la tragica scoperta. Sara era nel suo letto, immobile: il suo cuore ormai fermo. Secondo l’autopsia sarebbe emerso che la 33enne sarebbe deceduta per cause naturali.

Una tragedia, una fatalità, che ha lanciato nello sconforto non soltanto la sua famiglia ma l’intera comunità di Galatina (Lecce) da cui lei proveniva. I genitori di Sara, padre pensionato e madre insegnante, e sua sorella sono immediatamente partiti per Valencia al fine di riportare il corpo della giovane in Italia e celebrarne il funerale.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Uomo scomparso da giorni, tragico epilogo delle ricerche: mani e piedi legati con un filo di ferro

Le autorità spagnole hanno, quindi, escluso possa essersi tratta di una morte violenta, pertanto è stato concesso il nulla osta per far rimpatriare la salma.

La 33enne in Spagna lavorava come account manager – riporta Leccenews24– per un noto gestore telefonico. Era una donna indipendente, solare, di buon cuore. Aveva viaggiato tanto ed amava esplorare posti nuovi. Prima di raggiungere la Spagna era stata a Milano e poi in Francia.

Polizia Spagna
(Getty Images)

L’intera comunità di Galatina si è stretta intorno al dolore della famiglia inviando numerosi messaggi di cordoglio.