Terremoto nel Sud Italia, scossa Magnitudo 4.3, evacuati uffici e case

Scossa violentissima nel Sud Italia, evacuati uffici e case. Sono stati attimi di vero terrore, la gente si è riversata in strada. 

Terremoto - Pixabay
Terremoto – Pixabay

Violentissima scossa di terremoto in Calabria di Magnitudo 4.3. Evacuate scuole, uffici e case. La gente si è riversata in strada. Sono stati attimi di terrore.

La scossa è stata sentita a diversi km di distanza dal luogo dell’epicentro. Le forze dell’ordine ed i vigili del fuoco hanno terminato le operazioni di sgombero degli edifici. Al momento non sembra che ci siano feriti o morti.

Attimi di vero terrore, la terra trema in Calabria

Terremoto - Pixabay
Terremoto – Pixabay

Una fortissima scossa di terremoto di Magnitudo 4.3 ha fatto tremare la terra calabrese intorno alle 11.30. Sono stati attimi di puro terrore, la gente è fuggita in strada dagli uffici e dagli esercizi commerciali così come gli alunni nelle varie scuola che stavano facendo lezione.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE —> Caricato da un cinghiale durante una battuta di caccia: muore un 36enne

Per fortuna nulla di grave, non si sono registrati danni a persone, edifici o cose. La situazione è costantemente monitorata dagli esperti. Per permettere un rispristino delle attività in sicurezza è stata sospesa la circolazione ferroviaria lungo il tratto tirrenico della regione. Nello specifico sono state sospese le tratte Paola-Rosarno, tra Lamezia Terme e Catanzaro Lido e a Tropea.

Ferrovie dello Stato sta effettuando i dovuti controlli prima di riattivare il servizio, setacciando la zona e controllando che i binari non abbiano subito danni. Per garantire alla popolazione di spostarsi sono stati messi a disposizione due autobus.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE —> Si sente male nello studio del pediatra: muore bambina di soli tre mesi

Terremoto - Pixabay
Terremoto – Pixabay

 

In base ai dati riportati dall’Istituto di Geofisica e Vulcanologia, la profondità della scossa è lunga diversi chilometri. Durante la scossa era in corso il processo “Rinascita Scott” alle cosche di ‘ndrangheta nell’aula bunker che è stata fatta sgomberare per mettere in sicurezza i pochi presenti in vista delle restrizioni anti covid-19.

I magistrati con gli avvocati, il personale e le forze dell’ordine hanno lasciato l’aula e l’udienza è stata sospesa. Solo dopo aver constatato che l’edificio non avesse riportato danni è stata ripresa e portata a termine.