Auto finisce in una scarpata: muoiono tre giovani ragazzi

Tre ragazzi di 20 anni sono morti in un tragico indicente. L’auto è finita in una scarpata, dolore per i familiari delle vittime. 

Carabinieri - Pixabay
Carabinieri – Pixabay

A Matera un’auto è finita in una scarpata, sono tre le vittime accertate poco più che ventenni. L’incidente è avvenuto nella tarda serata di venerdì, l’auto – una Mini Cooper – presumibilmente si è scontrata con un’altra auto che ha sbalzato i tre giovani in una scarpata.

I conducenti della seconda auto sono rimasti lievemente feriti. Sulla vicenda indagano i carabinieri. Si cerca di capire come mai sia avvenuto lo scontro.

Dolore a Matera per i tre ragazzi morti

Ambulanza - Pixabay
Ambulanza – Pixabay

I ragazzi deceduti sono: Lucio Lopatriello, 21 anni, Simone Andriulli, 21 anni e Luciano Carone, 20 anni. Due sono morti sul colpo un altro in ospedale. Sul posto sono intervenuti i carabinieri, i vigili del fuoco ed alcune unità del 118. Secondo una prima ricostruzione, l’auto ha fatto un volo di circa 10 metri.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE —> Uomo trovato morto in casa dalla moglie: disposta l’autopsia

Lo scontro è avvenuto sulla provinciale Pisticci – San Basilio. La cittadina è sotto shock, il Primo cittadino, Domenico Albano ha commentato: “I ragazzi deceduti nell’incidente di ieri sera li conosciamo tutti in paese, giovani che io personalmente vedevo quotidianamente, il dolore che si prova è tanto in questi casi”.

Infine l’annuncio che nessuno avrebbe mai voluto sentire: “proclameremo il lutto cittadino” per quando si celebreranno le esequie. Allo stesso modo con un Tweet, il presidente della Regione Basilicata, Vito Bardi, ha commentato: Una vera tragedia che colpisce tutti noi. Ci stringiamo intorno al dolore delle famiglie”. 

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE —-> Alternanza scuola-lavoro: morto 18enne nell’ultimo giorno di stage

Su Facebook messaggi di cordoglio da tutti quelli che conoscevano i tre giovani, “Addio angeli, vegliateci da lassù”, si legge su uno dei profili social, “Non vi dimenticheremo mai, eravate speciali”, si legge ancora.

Carabinieri - Pixabay
Carabinieri – Pixabay

La cittadina si stringe attorno al dolore di queste tre famiglie spezzate, con Lucio Lopatriello, Simone Andriulli e Luciano Carone, sono finiti i sogni di una vita. Lo strazio delle madri, dei padri, dei fratelli e sorelle, è inconfortabile.

Si ipotizza che lo schianto sia avvenuto a causa della forte velocità ed il conducente della Mini Cooper abbia perso il controllo dopo lo schianto con l’altra auto che sopraggiungeva dal lato opposto.