Orrore sulla riva: più di 20 carcasse di delfini arenate sulla spiaggia

Più di 20 esemplari rinvenuti senza vita: l’agghiacciante rinvenimento è avvenuto su una spiaggia di Istanbul, sulle rive del Mar Nero, in Turchia.

Agghiacciante rinvenimento su una spiaggia di Istanbul, sulle rive del Mar Nero, in Turchia. Protagonista della macabra scoperta è un volontario di una ONG specializzata nella salvaguardia e tutela degli animali marini. L’attivista ha riferito di aver inviduato almeno 24 carcasse di delfini arenati sulla riva di Agacli, nella parte settentrionale della città. Immediata la segnalazione alle autorità locali, seguita dal rapido intervento sul posto da parte della polizia.

Orrore sulla riva: più di 20 carcasse di delfini arenate sulla spiaggia
Carcassa di delfino sulla riva (Ansa)

NON PERDERTI ANCHE >>> Incidente Boeing Cina, 132 morti 0 superstiti: recuperata la seconda scatola nera

L’offensiva russa possibile causa della morte dei delfini?

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da @instagra_turkiyemsin

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE >>> Roskomnadzor imbavaglia anche Instagram: volano le app VPN in Russia

La notizia trova conferma in un comunicato della Turkish Marine Research Foundation  (TUDAV), la cui fonte evidenzia il considerevole aumento delle morti dei delfini nell’ultimo mese al largo delle coste turche affacciate sul Mar Nero. Stando a quanto riporta English Bianet, la principale causa del decesso dei cetacei risiederebbe nei crimini conseguenti al conflitto in corso sul territorio ucraino. In merito, l’autopsia è in programma per ulteriori accertamenti. La pista trova ampia condivisione in diverse associazioni animaliste. La morte dei delfini potrebbe avere diverse cause di natura ambientale, quali migrazioni di pesci, la crisi climatica o il potenziale inquinamento conseguente all’irregolarità del traffico navale; o, ancora, le intense attività militari subacquee o di superficie.

Tra le varie ipotesi avanza anche la pista collegata all’operazione speciale ordinata dal presidente russo Vladimir Putin. La teoria non sorprende: le coste dall’altra parte del Mar Nero sono infatti bersaglio di scontri armati e bombardamenti da oltre un mese. I dubbi degli investigatori risultano, pertanto, legittimi e probabili, stando alla lettura dei dati riportati dalla Turkish Marine Research Foundation. I delfini sono morti a causa delle sostanze chimiche rilasciate in acqua dal conflitto o per altre ragioni? Al momento non vi è alcuna certezza: “Dobbiamo ancora determinare la causa [del decesso].“, ha precisato un volontario. Nonostante la maggior parte degli esemplari sia rimasta intrappolata nelle reti da pesca, la verità alla base dell’inspiegabile aumento delle carcasse a riva resta un mistero tutto da svelare.