Russia: prima esplosione naturale, l’effetto disastroso e le cause misteriose

Il deflagrante evento si è verificato in Russia, causando danni irreversibili sul territorio. L’impatto ambientale e le cause dell’esplosione sono state prese in carico dagli esperti. 

Il fenomeno si è verificato all’interno del territorio russo. Più precisamente nella zona centrale della Siberia. E stando al parere degli esperti potrebbe, ad oggi, essere considerato come il primo esempio in assoluto nella storia di esplosione naturale sul nostro pianeta.

russia esplosione naturale cause mistero
Tunguska (Twitter @UNOOSA)

Un spaventoso boato, seguito poco più tardi da una distruzione di massa di svariati milioni di alberi e habitat naturale circostante al luogo dell’esplosione, sarebbe stato avvertito in prima istanza da tutta la popolazione interna della città di Krasnojarsk.

Russia: prima esplosione naturale, l’effetto disastroso e le cause misteriose

russia esplosione naturale cause mistero
Tunguska (Twitter @esaoperations)

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> “Don Matteo” lacrime indomabili per Terence Hill, l’annuncio di Raoul Bova scuote i fan

Si è trattato inizialmente di un barlume accecante. Visibile a pressoché 700 km di distanza. Il quale avrebbe accompagnato, con anticipo, il penetrante frastuono dovuto all’impatto. A cui hanno fatto riferimento, con visibile attonimento, gli abitanti del capoluogo della regione, con le loro testimonianze, quanto delle zone ad esso limitrofe.

Il fenomeno è stato in grado di radere al suolo gran parte di una ridente foresta. Ma non solo. Ed ha preso ufficialmente il nome, proprio in virtù delle sue conseguenze sul territorio locale, di “Evento di Tunguska“.

L’impatto non avrebbe riportato alcuna vittima. Dal momento che il luogo è fortunatamente per sua natura disabitato. Mentre, a scatenare l’esplosione, secondo almeno un’approfondita indagine di calibro internazionale, avrebbe influito l’impatto inatteso di una cometa. Oppure di un meteorite schiantatosi contro il suolo terrestre.

In relazione al bagliore, prudentemente descritto e visibile ad occhio nudo dagli abitanti di Krasnojarsk nella mattinata del 30 giugno 1908, l’ipotetica esplosione di tale corpo celeste sarebbe avvenuta a una distanza dalla Terra ora appetibile. E che potrebbe variare dai 5 ai 10 km di altitudine.

Molte le spedizioni scientifiche che sono state condotte sul territorio della deflagrazione causata dall’abbattimento del corpo celeste sulla Terra, quanto dalla successiva e devastante onda d’urto.Tali sopralluoghi, istituiti per lo più dalla stessa Nasa, sono ad oggi accuratamente documentate. Da relazioni dettagliate in forma cartacea, quanto da alcune impressionanti immagini ricavate da satelliti.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Gli artisti scendono in campo: “Musica per la pace”, tutti i dettagli sul concerto benefico

Risultano presenti inoltre, all’interno degli archivi, tracce di reperti di provenienza ancora sconosciuta. E, per tal ragione, accostabili alla nascita di un interessante fenomeno misterioso.