Sposa presa a fucilate, 24enne morta sul colpo: tragedia nel giorno più bello

Tragedia senza precedenti, una sposa di 24 anni è stata presa a fucilate il giorno del suo matrimonio. E’ morta sul colpo.

Non ci sono parole per descrivere quanto accaduto ad una giovane sposa di 24 anni, uccisa nel giorno più bello della sua vita. Una fatalità che ha rovinato un’intera esistenza per sempre.

Sposa presa a fucilate
Sposi – Pixabay

Oltre alla sposa sono state ferite altre persone, l’assassino si è dato alla fuga ma è stato catturato prontamente dalla polizia. Ecco come sono andati i fatti.

Mahvash Leghaei, morta mentre festeggiava una nuova vita

Matrimonio Iran sposa morta
Matrimonio – Pixabay

 

Mahvash Leghaei è stata presa a fucilate mentre festeggiava le sue nozze, a sparare un parente presente alla cerimonia che voleva manifestare la sua felicità con diversi spari. Purtroppo ha sbagliato mira, ha ferito due persone ed ucciso la sposa con una pallottola in fronte.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE —-> Primark, la novità è già un successo: tutti in fila per il must have dell’estate. Impossibile farne a meno

Il fatto è accaduto in Iran a sud della città di Shiraz, inutile dire che la comunità è sotto shock. Stando alle dichiarazioni della polizia, si tratta senza dubbio di una fatalità. Sparare in Iran è illegale, l’uomo voleva solo festeggiare il momento felice ma qualcosa è andato storto, una pallottola è finita dritta in testa alla sposa.

Da quello che è emerso è che l’uomo ha una scarsa padronanza delle armi ed avrebbe puntato l’arma sulla folla senza pensare alle conseguenze.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE —> Pugile ucciso dopo una lite davanti ad un locale: 20enne confessa il delitto

L’uomo che ha commesso il folle gesto è un cugino dello sposo, dopo l’omicidio si è dato alla fuga ed ha portato via l’arma del delitto. Dopo alcune ore è stato individuato dalla polizia ed è stato bloccato in attesa di giudizio. La sposa era una ragazza ben voluta da tutti, lavorava come assistente sociale e si occupava di tossicodipendenti. I suoi organi sono stati donati secondo la sua volontà resa nota dalla famiglia.

Purtroppo per la donna non c’è stato nulla da fare, i soccorsi giunti sul posto non hanno potuto far altro che constatarne il decesso.

Impostazioni privacy