Incidente Foggia, chi sono le 7 vittime del disastro dell’A109

Una vera tragedia, ieri in Italia nella tratta Foggia-Isole Termiti, un elicottero è precipitato: nessuno è sopravvissuto. 

Aeroplano caduto Foggia
Aeroplano – Pixabay – YesLife.it

In totale le vittime sono 7, un’intera famiglia slovena e 2 medici del 118. Il velivolo, un’A109, è precipitato nella zona di Apricena, nella frazione di Castelpagano, Foggia. Il gruppo di persone è decollato verso le 9.20 dalle Isole Tremiti e dopo un’ora, i radar hanno perso le sue tracce.

Dopo essere arrivati a Lubiana, i 7 passeggeri, tra cui una ragazzina di 13 anni, sarebbero dovuti ritornare alla base ma le avverse condizioni del tempo hanno impedito il rientro ed hanno provocato lo schianto.

Immediatamente i soccorsi si sono messi in azione, ma a nulla è servito il loro intervento, i medici del 118 accorsi non hanno potuto far altro che constatare il decesso di tutti.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE —–> Ragazzo di 17anni travolto da un treno: scappava dai carabinieri. Il motivo

Ecco i nomi delle vittime, una tragedia che ha sconvolto l’Italia

soccorsi foggia disastro
Sirena – Pixabay – YesLife.it

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE —–> Omicidio in strada dopo una lite: giovane barbiere ucciso davanti alla moglie

La tragedia ha scosso l’Italia, ecco chi erano i passeggeri del velivolo. Luigi Ippolito era il pilota, mentre come co-pilota era presente Andrea Nardelli. A bordo era presente anche un medico del 118, Maurizio De Girolamo di 64 anni.

La famiglia slovena era composta da Bostihan Rigler, Mateia Curk Rigler, Jon Rigler e Liza Rigler, questa la loro rispettiva età 54, 44, 14 e 13 anni.

Purtroppo le avverse condizioni del tempo che hanno provocato il disastro hanno impedito ai soccorritori di giungere sul posto con non poche difficoltà. 

Elicottero precipitato foggia
Elicottero – Pixabay – YesLife.it

Il primo cittadino delle Diomedee, Giuseppe Calabrese, medico del 118, dopo aver terminato il turno ha preferito non salire sull’elicottero ma tornare a Foggia con il traghetto, proprio perché le condizioni atmosferiche erano troppo pericolose.

Mario Balzanelli, presidente nazionale Sis 118, ha espresso il suo cordoglio per il disastro: “Ennesima vittima sul lavoro di un operatore del 118. Alla famiglia le più profonde condoglianze e a Maurizio un immenso abbraccio da tutti noi”.

Una tragica fine che poteva essere evitata, oggi famiglie, familiari e amici, piangono i loro cari. Nel frattempo si leggono sul web messaggi di serenità ed amore per le vittime.