“Mamma sta dormendo”, bimba di 4 anni veglia il cadavere della madre

Una storia che ha commosso l’Italia, una bambina di 4 anni ha vegliato il cadavere della madre convinta che stesse dormendo. 

Cimitero vigevano
Cimitero – Pixabay – YesLife.it

La sconvolgente scoperta è avvenuta a Vigevano (Pavia), una bambina di soli 4 anni ha vegliato il cadavere della madre. Per un’intera notte la piccola si è presa cura della donna, oggi i familiari si sono ritrovati dinanzi una scena agghiacciante quanto sconvolgente.

Al momento del ritrovamento la bambina ha esordito dicendo: “Fate piano che la mamma sta dormendo”. 

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE —-> Incidente Foggia, chi sono le 7 vittime del disastro dell’A109

Una storia davvero drammatica, l’Italia è sotto shock

Donna morta vigevano
Donna che dorme – Pixabay – YesLife.it

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE —-> Ragazzo di 17anni travolto da un treno: scappava dai carabinieri. Il motivo

E’ La Provincia pavese a divulgare la notizia, una storia triste che ha lasciato sotto shock tutta l’Italia. La piccola ha vegliato per un’intera notte il cadavere della madre di 40 anni convinta del fatto che stesse dormendo.

La madre è deceduta in casa, per cause naturali, è rimasta con la bimba che si è presa cura di lei per una notte ed un giorno. I familiari hanno provato a contattare ripetutamente la madre che non rispondeva al cellulare. Insospettiti hanno deciso di raggiungere l’appartamento a Vigevano per poi fare la macabra scoperta.

Vigevano
Carabinieri – Pixabay – YesLife.it

Sono stati allertati i soccorsi che non hanno potuto far altro che constatarne il decesso avvenuto, da una prima ipotesi nel sonno. I sanitari hanno accertato la morte naturale, la bambina è stata portata fuori dall’appartamento dalla zia materna che ha trovato la sorella morta.

Non è stata disposta l’autopsia e la salma è a disposizione dei familiari per il funerale. Ora il compito più arduo è spiegare alla piccola di soli 4 anni, che la mamma non stava dormendo come aveva pensato.

Naturalmente sarà supportata da uno specialista per limitare quanto più possibile i danni emotivi ma ad ogni modo dovrà elaborare il lutto per farsene una ragione. La mamma e la figlia erano in casa da sole al momento della tragedia, non si sa se la donna avesse un compagno, se così non fosse, c’è da discutere anche dell’affido della piccola.