Dopo 80 anni l’addio inaspettato, clienti in lacrime: “Per noi è una tragedia”

Chiude dopo 80 anni, i clienti sono senza parole. Nessuno aveva immaginato una simile situazione, siamo sull’orlo della fine. 

offerte black friday
Negozio – Pixabay – YesLife.it

Il caro vita mette a dura prova non solo le famiglie italiane ma anche le attività commerciali che da anni si sono impegnate per rendere il Paese un posto migliore dal punto di vista della qualità dei prodotti esportati anche in tutto il Mondo.

Stiamo assistendo ad una regressione costante del mercato, il tasso di inflazione non è mai stato così alto e si registrano notevoli aumenti non solo sulle materie prime ed i prodotti alimentari di prima necessità ma anche l’aumento spropositato dell’energia e di conseguenza delle bollette, degli affitti, dei beni di consumo per la cura della persona.

Milioni di italiani hanno toccato la soglia di povertà, ogni giorno si sopravvive non si vive e come sempre la povera gente paga lo scotto di una gestione malsana dei rapporti nazionali ed internazionali in Unione Europea.

Il Natale 2022 sarà un momento di riflessione ma anche di rinunce, non si tratta di regali o cose superficiali, si tratta di convivialità, di cibo, di benessere psicologico. Non sappiamo come si evolverà la situazione nel 2023 ma i presupposti non fanno ben sperare.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE —–> Maddalena Corvaglia infiamma il web: “…me la suca”. La FOTO è inequivocabile: “Vacci piano”

Una sconfitta per la ristorazione, chiude l’antica pizzeria Sibilla

Serranda chiusa negozio
Serranda chiusa – YesLife.it

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE —-> Lidl anticipa il Black Friday: fino al 18 novembre moltissimi prodotti a meno di 3 euro. Cosa aspettate?

Da qualche mese a questa parte sono diverse le attività che dopo anni di onorata carriera stanno chiudendo i battenti. I costi dell’energia sono diventati esorbitanti e le bollette e gli affitti a fine mese non sono sostenibili. Ecco che dopo 80 anni chiude la storica pizzeria Sibilla, non si sa ancora se sia un addio o un arrivederci ma i titolari fanno sapere: “Affitti troppo cari, impossibile andare avanti”.

La notizia ha creato non poco scalpore soprattutto tra i clienti affezionati che commentano sui social: “Per noi è una tragedia, la pizza era così buona”.

Sibilla pizzeria
Sibilla – Screenshot web – YesLife.it

La pizzeria è sita a Milano, è molto apprezzata dai milanesi ma anche dalle persone che non sono del posto. Nata in via Mercato, zona Brera, venne aperta nel 1943 come bar e tavola calda, nel 1951 è diventata ufficialmente una pizzeria.

“Purtroppo le nuove condizioni contrattuali, con il rincaro dei prezzi, erano molto svantaggiose e non ci avrebbero dato la certezza di poter proseguire con la nostra attività”, confessa Roberto Palma, proprietario della pizzeria. Uno shock non solo per chi amava questa pizza ma anche per chi ci ha lavorato per anni.

E’ il caso del pizzaiolo Vincenzo Scali, oggi ha 60 anni ma quando ha iniziato da Sibilla aveva solo 16 anni. La pizza è rigorosamente napoletana, ovvero cotta a legna il cavallo di battaglia e fiore all’occhiello del locale era la “vera” diavola: pomodoro, mozzarella, peperoni alla piastra, salamella, olive nere e tabasco.