Coronavirus, farmaco contro l’artrite si rivela sempre più efficace

Il tocilizumab, farmaco contro l’artrite utilizzato in via sperimentale contro il coronavirus, si sta rivelando sempre più efficace, come spiegato all’Agi dal professor Paolo Ascierto.

Coronavirus
(Getty Images)

Dopo i primi pazienti affetti da coronavirus curati a Napoli con un farmaco contro l’artrite reumatoide, anche per altri soggetti quest’ultimo sembra essersi rivelato efficace. I medici hanno utilizzato il farmaco in questione, il  tocilizumab, in via sperimentale per la prima volta nel capoluogo campano per combattere la polmonite interstiziale causata dal Covid-19. Tra i pazienti su cui il farmaco si è rivelato efficace c’è anche l’assessore della Regione Lombardia Alessandro Mattinzoli, le cui condizioni sono in via di miglioramento.

Leggi anche —> Coronavirus, salgono i contagi e le vittime in Europa: la mappa a livello mondiale

Coronavirus, il farmaco contro l’artrite si rivela sempre più efficace: “Ora la sperimentazione si è allargata ad oltre 50 pazienti in tutta Italia

Siamo in collegamento con diversi ospedali da nord a sud. Ora la sperimentazione si è allargata ad oltre 50 pazienti in tutta Italia. Ieri ho parlato con il dottor Giancarlo Titolo dell’ospedale di Fano, e mi ha detto che degli 11 pazienti (tra Fano e Pesaro), trattati con il farmaco anti artrite, 8 hanno avuto un miglioramento dopo 24 ore“. Queste le dichiarazioni rilasciate all’Agi (Agenzia Giornalistica Italia) dal professor Paolo Ascierto in merito all’utilizzo sanitario del tocilizumab per combattere il coronavirus. Dopo una prima sperimentazione a Napoli, difatti, i dottori hanno utilizzato il medicinale contro l’artrite reumatoide, rivelatosi efficace, su altri pazienti in altri ospedali italiani.

Ascierto, presidente Fondazione Melanoma e direttore dell’Unità di Oncologia Melanoma, Immunoterapia Oncologica e Terapie Innovative dell’Istituto tumori Pascale di Napoli, ha poi spiegato che a Cremona “sono stati trattati 2 pazienti nello stesso modo, e sono migliorati tutti e 2“. Il professore ha poi aggiunto, riporta Agi, che dei sei pazienti a cui è stato somministrato il tocilizumab: 3 sono migliorati, 2 sono in condizioni stabili ed uno è morto,  a causa di uno “stress respiratorio molto forte“. I primi risultati vanno, dunque, in una direzione positiva, ma per una certezza maggiore bisognerà attendere, come spiegato da Ascierto, almeno “una settimana“. Tra questi pazienti vi è anche l’assessore allo Sviluppo Economico della Lombardia Alessandro Mattinzoli. L’assessore, come spiegato dal collega Giulio Gallera in conferenza stampa, dopo dieci giorni in ospedale “sta molto meglio grazie all’utilizzo di questo medicinale usato per l’artrite“.

Leggi anche —> Coronavirus, Gallera lancia l’allarme: “Tra poco arriviamo a un punto di non ritorno”

Coronavirus
(Getty Images)