Cassa integrazione d’emergenza: come fare domanda

La Cassa integrazione d’emergenza è legge. In base alle prime indicazioni dell’Inps è possibile indicare la causale specifica «Covid-19 nazionale». Ma chi può presentare la domanda e come?

Cassa integrazione d'emergenza: come fare domanda
Salvagente (foto Pixabay)

Si tratta della nuova cassa integrazione ordinaria d’emergenza , ammortizzatore sociale che può essere richiesto da tutte le imprese che presentino i requisiti di legge.

Può essere richiesta per i periodi di sospensione o riduzione dell’attività a far data dal 23 febbraio 2020 fino al 31 agosto 2020, per una durata massima di 9 settimane (si tratta di uno strumento retroattivo, dunque).

Ll’Inps ha già fornito le prime indicazioni sulla domanda e chairito che le imprese non devono fornire alcuna prova sulla transitorietà dell’evento e/o la non imputabilità dell’evento all’imprenditore o ai lavoratori.

Si tratta di una Cassa integrazione d’emergenza, differente da quella ordinaria già esistente, volte ad arginare la situazione lavorativa delle aziende italiane. Ciò che sarà necessario allegare è unicamente l’elenco dei lavoratori beneficiari, entro la fine del quarto mese successivo a quello in cui ha avuto inizio il periodo di sospensione o di riduzione dell’attività lavorativa.

Un’annotazione molto importante: la cassa d’emergenza può essere richiesta anche da chi aveva già richiesto la cassa ordinaria con una causale differente: si avrà una sorta di prevalenza della nuova cassa per «Emergenza COVID-19 nazionale» sulla precdente.

Leggi anche —>La Cassa Integrazione allargata che stiamo aspettando

Leggi anche —>Come richiedere i bonus del Decreto cura Italia

Altre specificazioni sulla Cassa integrazione d’emergenza

  1. In primis, non è dovuto il contributo addizionale.
  2. i seguenti limiti non trovano applicazione: a) limite delle 52 settimane nel biennio mobile; b) limite dei 24/30 mesi nel quinquennio mobile; c) limite di 1/3 delle ore lavorabili.
  3. Può essere concessa anche ai lavoratori che non hanno anzianità di 90 giorni di effettivo lavoro: basta che fossero dipendenti al 23 febbraio 2020.
  4. Le aziende che al 23 febbraio 2020 erano in Cigs (cassa integrazione guadagni straordinaria) hanno la facoltà di sospendere la suddetta cassa a favore della Cigo ordinaria d’emergenza qualora abbiano i requisiti per accedervi.
  5. Le modalità di versamento del denaro saranno due: una è l’usuale erogazione delle prestazioni tramite conguaglio su UNIEMENS; l’altra l’autorizzazione del pagamento diretto al lavoratore.Cig d'emergenza: come fare domanda
  6. Cassa integrazione (foto Pixabay)