Covid-19, in Cina torna l’orrore dei mercati con gli animali

Terminata l’emergenza Covid-19 in alcune zone del Paese si torna alla normalità e riaprono i mercati che vendono cani, gatti, pipistrelli e serpenti

Covid-19
I mercati di animali in Cina (greenme.it)

Fino a pochi giorni fa si contavano ancora le innumerevoli vittime del Covid-19 e oggi, in Cina, sembra che tutto questo sia stato già dimenticato. Come mai? Come se oltre tre mesi di orrori non fossero mai successi ritornano in strada i mercati degli animali. Scene che forse nessuno avrebbe mai voluto più vedere sono tornate alla ribalta più forti di prima.

Gabbie arrugginite, le une accanto alle altre, con dentro cani, gatti, pipistrelli ma anche scorpioni e serpenti. Proprio quegli animali che sono stati considerati tra i principali responsabili della diffusione del virus tra l’uomo e poi della pandemia. Animali di ogni tipo in vendita che probabilmente finiranno sulla brace, in padella o in pentola.

Le immagini arrivano direttamente da Guilin, città nel sud ovest del Paese, ma si protraggono fino a Dongguan. La vita in Cina sta tornando lentamente alla normalità ma in quelli che sono stati definiti i mercati dell’orrore sembra che il tempo scorra più veloce e che le mente dimentichi in fretta.

LEGGI ANCHE –> Covid-19, dai pediatri attenzione all’ora d’aria per i bambini

Covid-19, nei mercati tutto è tornato come prima

Covid-19
I mercati di animali in Cina (ilmessaggero.it)

Il ritorno a queste scene è stato documentato da alcuni corrispondenti del Daily Mail. I giornalisti raccontano di aver visto migliaia di persone che sono tornate ad affollare il mercato di Guilin. Tra i banchi e le gabbie, gli animali vengono scuoiati vivi e venduti. Sul pavimento non resta che un mare di sangue unito a sporcizia e resti di animali.

Il reportage del giornale del Regno Unito racconta bene come le restrizioni in vigore in piena emergenza Covid-19 siano già calate in Cina. Si perché nel periodo del picco dei contagi il consumo di carne di animali come serpenti e pipistrelli era stato vietato e dichiarato illegale. Il ritorno alla normalità pare però che abbia fatto già dimenticare tutto questo, quello che Wuhan e la Cina tutta ha sofferto e la necessità di rispettare le norme alimentari e di igiene.

LEGGI ANCHE –> Covid-19, la Azzolina esclude il ritorno a scuola a luglio

Coronavirus Cina Wuhan
Coronavirus Cina Wuhan la vita riprende lentamente FOTO Getty Images

Tutti qui credono che l’epidemia sia finita e che non c’è più nulla da preoccuparsi – ha spiegato il corrispondente del Daily Mail – Ora il problema riguarda sono gli altri paesi”. L’inviato spiega come in Cina i mercati sono tornati ad essere proprio come erano prima del coronavirus. “L’unica differenza è che le guardie di sicurezza cercano di impedire a chiunque di scattare foto – ha concluso – cosa che prima non sarebbe mai successa”.