Coronavirus, scoperti nuovi sintomi dagli ammalati

Coronavirus, non solo febbre e tosse. Sarebbero stati scoperti nuovi sintomi nei pazienti risultati positivi come convulsioni e problemi neurologici.

Coronavirus
(Getty Images)

Il coronavirus continua a spaventare il mondo mentre i ricercatori e i medici continuano a studiarlo per trovare una cura adeguata esaminando anche i sintomi dei pazienti positivi. Più volte, è stato ribadito che i sintomi più comuni sarebbero tosse e febbre, ma a quanto pare ci sarebbero anche altri sintomi come stati di confusione, convulsioni e sintomi neurologici.

Coronavirus, i probabili nuovi sintomi scoperti sui pazienti

Coronavirus
MEDICI (Getty Images)

In attesa della probabile sperimentazione del vaccino sugli umani, secondo quanto riporta il portale Money.it che cita il New York Times tra i probabili nuovi sintomi del Covid 19 ci potrebbero essere anche problemi neurologici. Il New York Times, infatti, avrebbe riportato il caso di un 74enne che avrebbe avuto difficoltà a dichiarare ai medici il proprio nome e il motivo della sua presenza in ospedale. Secondo i medici, i problemi neurologici non sarebbero legati all’età dei pazienti e potrebbero essere legati a problemi pregressi al Covid 19-

Leggi anche—>Covid-19, il direttore di Libero lancia l’allarme: “Spiegateci come si farà”

I problemi neurologici che potrebbero accusare i pazienti contagiati dal Covid 19 sono stati oggetto anche di uno studio da parte dei medici di Wuhan, la città cinese da cui è partita la pandemia che ora sta mettendo in ginocchio il mondo, anche l’America del Sud dove è l’Ecuador uno dei Paesei più colpiti. Secondo tale studio, nei pazienti risultati positivi al virus invisibile, sarebbero stati riscontrati anche altri sintomi che andrebbero dalla sonnolenza al coma profondo.

Leggi anche—>Covid-19 Italia, la mappa regione per regione: il bollettino al 3 aprile

Coronavirus
(Getty Images)

Un altro studio confermerebbero che i sintomi del contagio da coronavirus non sarebbero solo respiratori, ma potrebbero anche colpire il sistema nervoso. Il Covid 19, dunque, continua ad essere oggetto di studi approfonditi. Trattandosi di un virus nuovo, infatti, i ricercatori continuano a lavorare incessantemente per trovare la cura giusta o il vaccino che permetterebbe al mondo di tirare un sospiro di sollievo dopo l’alto numero di contagi e di decessi nel mondo.