Covid-19, lo sfogo del Ministro Dem: “Così non si va avanti”

Covid-19, nuove discussioni tra il Ministro Dem e le regioni e malintesi da parte di Borrelli. Ipotesi di un esperto di comunicazione

Angelo Borrelli Covid-19 Italia
Il commissario per l’emergenza Angelo Borrelli (foto dal web)

Lo stress dell’emergenza Covid-19 inizia a farsi sentire non solo tra i cittadini, chiusi in casa, ma anche ai piani alti e cominciano ad emergere contrasti comunicativi tra il Ministro Dem, le regioni e la protezione civile. Il partito democratico ha osservato errori e contraddizioni nella fase di emergenza. “Servirà una cabina di regia per ritornare alla normalità” – ha affermato Nicola Zingaretti in una conferenza stampa. “Quando inizieremo a ripartire il decidere cosa e come sarà cosa complicata – spiega un dirigente Dem – bisogna sentire tutti, non la puoi fare da solo“.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE>>>Udine | giovane mamma morta in casa | con lei il figlio di 3 anni

Covid-19, i cortocircuiti comunicativi di Borrelli

Covid-19
Borrelli e Conte (ecodibergamo.it)

In questi giorni circolano notizie riguardo alla possibile proroga della stretta. Borrelli forse si è fatto scappare qualche parola di troppo, durante l’evento al Circo Massimo, spiegando che la fase due potrebbe iniziare il 16 maggio. Tale comportamento non ha lasciato indifferente il Ministro Dem che ha dato libero sfogo: ” Così non si può andare avanti“. Il governo ha evitato uno scontro diretto con il capo della Protezione Civile, Franco Locatelli ha risposto a Borrelli così: “ Le date della proroga piuttosto che l’allentamento delle misure di distanziamento sociale spettano solo e unicamente al decisore politico – afferma – Quindi saranno loro a dare queste indicazioni, sicuramente anche dopo un confronto  con noi, all’intero paese”.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE>>>Coronavirus, farmaco Ivermectin potrebbe essere la svolta

Covid-19
Covid-19 (foto Pixabay)

E’ sempre più sicura l’ipotesi di affiancare a Borrelli un comunicatore, per far sì che le informazioni siano sempre corrette e valide e non ci siano errori. Ma è ancora tutto da decidere.