Fase 2, ci sono quattro date per la ripartenza

Si definisce il primo calendario per la riapertura delle attività per la fase 2 in Italia. Si parte il 27 aprile con le macchine agricole, poi i cantieri, i negozi e infine bar e ristoranti

Fase 2
Fase 2 (tgcom24)

Quattro date per iniziare la fase 2 in Italia dopo la fine del lockdown. Un calendario scaglionato in quattro fasi appunto per la ripartenza dell’Italia a seguito dell’emergenza sanitaria.

Trapelano le prime indiscrezioni sulle date. La prima dovrebbe essere il 27 aprile con la riapertura delle fabbriche di macchine agricole, anticipando così la ripartenza. Il 4 maggio sarà poi la volta di cantieri, manifatturiero e lotto.

L’11 maggio, invece, ci sarà i via libera alla riapertura di negozi di abbigliamento e calzature con la probabilità di altri negozi ancora. Ultimo step, per ora, quello del 18 maggio dedicato a bar e ristoranti.

LEGGI ANCHE—> Fase 2, quando riapriranno piscine e palestre

Fase 2, la ripartenza per il servizio pubblico

Queste le prime quatto date con le quali il Paese riaccende i motori. Ovviamente per ogni settore è necessario rispettare le misure di sicurezza con accessi controllati e distanziamento sociale. Allo stesso modo sarà necessario pulizia e sanificazione continua.

LEGGI ANCHE—> Coronavirus, Conte annuncia: “Accordo con UE per uno strumento innovativo”

fase 2
Fase 2 per i trasporti (tgcom24)

Stessa cosa anche per i trasporti, nella stazione della metropolitana come su tram e bus. Si parla di cerchi sui pavimenti di bus e tram che permetterebbero di tenere la distanza di sicurezza tra passeggeri. Inoltre ci si potrà sedere in modo alternato sui sedili dei treni regionali lasciando un posto libero al proprio fianco.  Il governo, inoltre, invita ad un maggiore utilizzo dello sharing sia per i motorini che le biciclette elettriche nelle grandi città.

Virus Urbani ministero della Salute piano segreto gennaio
(Getty Images)

Milano cercherà di concedere una nuova mappa dei trasporti con disposizioni aggiornate per permettere a tutti i cittadini di muoversi comunque e in modo agile al tempo del Covid-19. Il tutto per garantire spostamenti in totale sicurezza, con distanziamento e uso di guanti e mascherina per tutti.