Vilnius trasforma il centro cittadino in un bar all’aperto

Per permettere ai locali di ripartire dopo il lockdown a Vilnius le piazze e le strade si trasformano in un dehors spazioso e gratuito.

Vilnius (GettyImages)
Vilnius (GettyImages)

Trasformare il centro storico di Vilnius in un grande dehors per bar e ristoranti per garantire il distanziamento sociale e far ripartire gli affari dopo la chiusura dovuta all’emergenza del Covid-19. L’intenzione di consentire ai locali di occupare gratuitamente le strade con i tavolini arriva dalla capitale della Lituania, che si prepara a diventare un grande bar all’aperto. Nello stato baltico, che ha registrato 1.344 casi di Covid-19 e 44 morti, è stata permessa la riapertura di bar e ristoranti con posti a sedere all’aperto, parrucchieri e negozi, pur con misure di sicurezza rigorose, come spiega il Guardian. Nel caso dei locali, per esempio, i tavoli devono essere a due metri di distanza. Inoltre le mascherine sono obbligatorie in tutti gli spazi pubblici.

LEGGI ANCHE -> Disinfettante spray fatto in casa: le ricette più semplici da realizzare

Il centro storico di Vilnius è patrimonio dell’Unesco

Vilnius (GettyImages)
Vilnius (GettyImages)

Per l’aziende che si trovano nel centro storico di Vilnius, patrimonio dell’Unesco, recuperare spazi è difficile, dato che molte affacciano su delle stradine. Da qui è scaturita l’idea di consentire a ristoranti e bar di colonizzare piazze e strade. “Potranno allestire tavoli all’aperto gratuitamente in questa stagione e quindi condurre le loro attività durante la quarantena”, spiega il sindaco Remigijus Šimašius.

LEGGI ANCHE -> Pamela Prati esclusa da Live – Non è la D’Urso

Se vuoi essere sempre informato in tempo reale, seguici anche su sulle nostre pagine Facebook, Instagram e Twitter

Vilnius (GettyImages)
Vilnius (GettyImages)

Per il momento sono 18 gli spazi pubblici della città, compresa la centrale piazza della Cattedrale, a essere stati individuati per ospitare il dehors diffuso. Altri spazi però dovrebbero aggiungersi. Sono poi oltre 160 i proprietari di locali che hanno aderito.